Windows Core OS e CShell: ritardo o progetto già abortito?




Brevetti datati, rumor, video concept e simili, poche trapelazioni ufficiali, ritardi presunti e reali; a che punto è (se c'è un punto) il prossimo corso di Windows?

Windows-Core-OS-CShell-progetto-abortito
Nei giorni scorsi, abbiamo assistito alla pubblicazione di un primo video e prime indicazioni tecniche (molto ristrette) del successore di Surface Hub, annunciato da Microsoft per la commercializzazione nel 2019, con modelli in prova esclusiva per alcuni partner, disponibili dopo l'estate del 2018.

Come avevamo anticipato da tempo, stando a quanto si sentiva nei vari corridoi, il nuovo Surface Hub 2 dovrebbe essere spinto da Windows Core OS e CShell, così come altri dispositivi previsti (più o meno annunciati) e facenti parte del nuovo corso software/hardware Microsoft, Surface Andromeda e HoloLens 2.
Siamo a maggio 2018 e i rumor che vedono l'arrivo sul mercato dei dispositivi appena elencati sono iniziati nel 2016. Previsti, in prima battuta, tutti per il 2017, poi per il 2018 e, adesso, si parla di 2019.
Anzi, chiacchiere da bar a parte, di Surface Andromeda (lo smartphone, per intenderci) si inizia a non parlarne più. Che vi piaccia o no, è così.
Almeno nei termini e nelle modalità che vi hanno fatto credere, pensare, sognare... in questi anni. Già, si iniziano a contare gli anni, ormai.

Lo avevamo scritto nel 2016, nel Report contenente le previsioni per il 2017 (molte avveratesi) e ancora nel 2017, in quello contenente le novità previste per il 2018; alcune sono già effettive, ma siamo solo a metà anno. Beh, 'solo' o 'già' a metà anno?

Ecco, questo è uno dei punti chiave. I dispositivi previsti con a bordo il Windows realmente universale e UI componibile in base all'hardware specifico sono in ritardo o il progetto generale è già abortito?

O, in realtà, non è mai iniziato e non è mai esistito concretamente? Mi riferisco, ovviamente, al mix software e hardware. I device ci saranno. Resta da vedere con quale Sistema operativo arriveranno.

In un'azienda come Microsoft, con migliaia di dipendenti e centinaia di progetti attivi costantemente, che ogni tanto salti fuori un documento contenente schizzi di codice compilato è più che normale. Ci sono ingegneri che hanno il compito di sperimentare e basta. Ogni giorno. Basti pensare che il team Insider compila e scarta centinaia di Build a settimana. Solo una di queste arriva realmente in Fast Ring, più o meno, una volta al mese.

La realtà è che nessuno ufficialmente (in Microsoft) ha mai parlato di Windows Core OS, CShell e dispositivi associati. Abbiamo assistito a video con esperimenti, fogli presi da qualche cestino e fatti uscire da qualche ufficio, brevetti depositati (come fanno costantemente tutte le aziende); poco altro.

Microsoft ha detto che sta lavorando al dispositivo mobile definitivo (ma è passato già un po' di tempo e il concetto non è stato più ribadito) e che gli smartphone attuali non avranno Windows on ARM. Che arriverà HoloLens 2 e che è pronto Hub 2 (definiamolo pronto, dai...).

Già, Windows 10 on ARM; ricordate le parole di Belfiore, non ancora al termine della sua lunga vacanza?
Adesso è tornato.
E Snapdragon 845? Certo, no?

Abbiamo visto proprio in questi giorni l'esecuzione di Windows on ARM su Lumia 950 XL. Hanno attivato anche le corrette impostazioni di rete, nelle ultime ore, gli amici smanettoni.

Pensiamo a come potrebbe girare Windows 10 su hardware nuovo con architettura ARM appositamente progettata, visto che 'funziona' su dispositivi pensati in ben altri tempi.

Insomma, parole ufficiali e 'fatti' concreti ci sono o ci sono stati, circondati da chiacchiere, stati progettuali presenti in ogni azienda, ma che restano tali, finchè non si passa ad un reale step successivo. E se il ritardo non c'è, visto che non può essere definito in ritardo nulla che non è mai stato annunciato ufficialmente (il rilascio di Windows 10 April 2018 Update è un esempio emblematico), resta da capire se il progetto Windows Core OS e CShell è già abortito e, se sì, se verrà mai ripreso, modificato, adeguato, portato avanti (realmente).
Articolo di HTNovo
Creative Commons License