Nudge, solleciti AI in arrivo nella nuova Gmail




Google continua l'implementazione graduale delle nuove funzionalità smart nella rinnovata versione Web del suo client di posta elettronica.

Nudge-AI-Gmail
La scorsa settimana, Google ha iniziato il roll-out di alcune funzionalità smart annunciate nella nuova Gmail a tutti gli utenti passati all versione rinnovata del client web, come La composizione automatica dei messaggi o l'Utilizzo offline.

In queste ore, è in distribuzione Nudge, l'ennesima nuova funzionalità gestita da AI all'interno di Gmail.

Al pari delle altre opzioni, Nudge, grazie all'Intelligenza Artificiale, apprende automaticamente e avvisa l'utente di possibili azioni che potrebbe voler compiere ma che potrebbero essergli sfuggite o passate di mente. Ciò avviene con dei solleciti posti di fianco alle intestazioni delle e-mail interessate, resi visibili da scritte in arancione.
La nuova opzione 'spinge' gli utenti a rispondere alle e-mail che potrebbero aver perso e a seguire le e-mail per le quali non hanno ricevuto risposta.

In pratica, se c'è una mail che l'AI ritiene meritevole di risposta e che è lì da qualche giorno o ne è stata inviata una valutata importante qualche giorno prima e si pensa possa interessare ancora l'utente, Nudge avvisa con frasi tipo: Ricevuto 3 giorni fa. Rispondi? o Inviato 5 giorni fa. Azione supplementare? Grandioso!

Nudge-solleciti-AI-nuova-Gmail
Al pari delle nuove feature viste in precedenza arrivate nella nuova Gmail, l'opzione Nudge, con relativa voce in arrivo nelle prossime ore per tutti gli utenti, è gestibile in Impostazioni, cliccando sull'icona ad ingranaggio, in alto a destra.

Gli utenti possono disattivare i solleciti, offerti nelle due tipologie descritte poco sopra:

Email suggerite per rispondere a: le email che potresti aver dimenticato di rispondere appariranno nella parte superiore della tua casella di posta.
Suggerire le e-mail di follow up: le e-mail inviate di cui potresti aver bisogno per il follow up appariranno nella tua casella di posta.
Articolo di HTNovo
Creative Commons License