Google presenta ufficialmente Android P (video)




Evoluzione della precedente versione, il nuovo Android P mette al centro e al servizio dell'utente l'Intelligenza Artificiale.

Android-P
Intelligenza Artificiale al centro di ogni presentazione cui abbiamo assistito in diretta streaming nella serata di oggi durante il keynote d'apertura dell'evento per sviluppatori di BigG, Google I/O 2018, dal suggestivo Shoreline Amphitheatre di Mountain View, California.

AI che non poteva mancare nell'annuncio ufficiale di Android P, la nuova versione del sistema operativo per dispositivi mobili di Google, celebrativa del decennale del robottino verde.
Dieci anni fa, quando abbiamo lanciato il primo telefono Android, il T-Mobile G1, era con un'idea semplice ma audace: costruire una piattaforma mobile che fosse gratuita e aperta a tutti. Oggi l'idea è fiorente: miliardi di persone in tutto il mondo fanno affidamento sul proprio telefono Android ogni giorno.
Per rendere Android più intelligente e facile da usare che mai, oggi stiamo svelando una versione beta di Android P, la prossima versione di Android.
Gli smartphone saranno più intelligenti con Android P a bordo, grazie all'apprendimento automatico di abitudini e interessi dell'utente, al centro di ogni attività.
Android P rende il tuo smartphone più intelligente, aiutandolo a imparare e adattarsi a te. Prendiamo la durata della batteria, ad esempio, penso che tutti noi spesso desideriamo di averne di più. In Android P, abbiamo collaborato con DeepMind per creare Adaptive Battery, che assegna la priorità alla carica della batteria solo per le app e i servizi che utilizzi di più, per aiutarti a sfruttare al massimo la batteria. Abbiamo anche utilizzato l'apprendimento automatico per creare la Luminosità adattiva, che apprende come ti piace impostare il cursore della luminosità in base all'ambiente circostante.
Una nuova dashboard ti mostra come trascorri del tempo sul tuo dispositivo, compreso il tempo trascorso nelle app, quante volte hai sbloccato il telefono e quante notifiche hai ricevuto. App Timer ti consente di impostare i limiti di tempo per le app e ti spinge verso il basso quando sei vicino al limite e quindi oscura l'icona per ricordarti il ​​tuo obiettivo. Il nuovo Do Not Disturb la modalità non fa tacere solo le telefonate e le notifiche, ma anche tutte le interruzioni visive che appaiono sullo schermo. E per renderlo ancora più semplice da usare, abbiamo creato un nuovo gesto: se si accende il telefono sul tavolo, si attiva automaticamente Non disturbare in modo da poter concentrarsi sulla presenza. Infine, Wind Down accende la luce notturna quando fa buio e attiva la modalità Non disturbare e dissolve lo schermo in scala di grigi all'ora di andare a dormire per aiutarti a ricordare di addormentarti nel momento desiderato.
Android P è disponibile da oggi 8 maggio 2018 in versione Beta sugli smartphone della linea Google Pixel, e lo sarà, prossimamente, anche su altri device di fascia alta, fra cui Sony Xperia XZ2, Xiaomi Mi Mix 2S, Nokia 7 Plus, Oppo R15 Pro, Vivo X21, OnePlus 6 e Essential PH-1.
Fonte: Google
Articolo di HTNovo
Creative Commons License