Perché con Project Andromeda (Windows Core OS) non cambierà (praticamente) nulla



Proviamo ad analizzare gli scenari futuri software/hardware che l'idea di Sistema operativo modulare potrebbe offrire agli utenti Windows.

Con-Project-Andromeda-non-cambia-nulla
Nelle ultime settimane, si è fatto un gran parlare (sulla base del nulla, o quasi) di Project Andromeda di Microsoft, un nuovo ramo di sviluppo software/hardware, non appartenente a Microsoft Research ma direttamente ai Team Windows, che vedrebbe il confluire delle attuali edizioni di Windows 10 in un unico Sistema operativo, identico per tutte le tipologie di dispositivi.


Niente più Windows 10 desktop/tablet, Windows 10 Mobile, per Xbox, IoT, HoloLens, ma solamente Windows 10 (o Windows), eseguibile su ogni piattaforma, con ogni risoluzione, hardware, predisposizione di utilizzo.

Beh, sentiamo (o sappiamo) questa 'cosa' da prima del 2015, ovvero, da prima del lancio del nuovo Sistema operativo di Redmond.

Fin dall'inizio, Windows 10 è stato etichettato come un SO unico, il medesimo presente su tutti i device in cui viene installato, grazie all'unificazione del Core di Sistema (OneCore) e alle app UWP (Universal Windows Platform).

Tutti sappiamo, perché lo abbiamo visto, che non è così. Windows 10 è diverso su PC, tablet, dispositivi IoT, Console, Visori, smartphone e schermi con proiezioni Continuum.
E non potrà essere tanto diversa la situazione, nel prossimo futuro.
Ne abbiamo già parlato, ad esempio, nel Post Che cos'è (realmente) un'app UWP.

Un dispositivo Mobile è un dispositivo Mobile, così come un PC è un PC e una Console è una Console.

Se si ha bisogno di attivare il navigatore per un viaggio, si può utilizzare uno smartphone o un tablet; non credo sia intelligente portarsi un desktop collegato alla batteria della macchina per seguire l'itinerario corretto!

Ogni dispositivo ha la sua valenza, la sua utilità, il suo scopo di utilizzo. E lo avrà anche in futuro.
Risulta inutile, alla logica, avere le medesime funzionalità su ogni tipo di dispositivo che monta Windows 10.
Il concetto di Core unificato non è da intendersi in quella direzione. Non lo è mai stato.
Alla base del Sistema unico c'è sempre stata - e continuerà ad esserci - l'idea di consentire la sincronizzazione di dati, file, ripresa delle attività, interazioni fra device diversi collegati al medesimo Account, ma non di eseguire il tutto indipendentemente dallo schermo su cui si poggiano le dita.
Questo non può essere e non potrà esserlo in futuro. C'è poco da fare.
Provate ad elaborare un documento complesso con un editor di testo come Word su uno schermo da 5 pollici, al di là del contenitore Universale in cui è impacchettato il programma che utilizzate. Riuscite nell'intento di editare foto, inserire link, video, scegliere e modificare formati, font, righe ecc.?
Il concetto è il medesimo espresso con l'esempio del navigatore di prima.
Per scrivere questo Post ho bisogno - e avrò sempre bisogno - di un PC. Punto. E che sia di almeno 15", che abbia una tastiera comoda, possibilmente fisica, e un mouse collegato. Non potrò mai utilizzare uno smartphone, a tele scopo, ottenendo il medesimo risultato e impiegando lo stesso tempo.

Project Andromeda, ribattezzato, ultimamente - sempre sulla base del nulla, visto che né Microsoft né nessuno dei suoi rappresentanti, nemmeno in forma ufficiosa o informale, ha mai fatto dichiarazioni in merito - Windows Core OS, è la continuazione di un percorso iniziato con lo sviluppo di Windows 10, sulle basi di Windows 8 e Windows 8.1, proseguito con OneCore e la nuova Shell del Sistema, CShell (Composable Shell), per rendere Windows 10 il più omogeneo possibile nell'esecuzione su qualsiasi piattaforma. Il più omogeneo possibile, appunto; non omogeneo.

Project Andromeda non è un nuovo Sistema operativo, né un campo di ricerca e sviluppo nato dal nulla. Project Andromeda (Windows Core OS) è l'evoluzione di Windows 10 legato alla prossima evoluzione del segmento hardware di Microsoft e partner OEM, data dalla situazione del settore Mobile, pronta ad essere ridefinita con nuovi dispositivi equipaggiati da software all'altezza.

Project Andromeda è software per l'hardware e hardware per il software.

L'anima modulare del prossimo step del Sistema e dell'evoluzione del Core unificato conferma quanto ho detto sino ad ora e quanto ho scritto nel titolo di questo Post. 

Con Project Andromeda (Windows Core OS) non cambierà (praticamente) nulla.

Aggiungendo e togliendo 'moduli' al Sistema in base al dispositivo utilizzato, Windows 10 (o Windows) continuerà a non essere il medesimo su tutti i dispositivi.

Certo, come abbiamo visto, grazie a CShell, molte applicazioni, così come il Menu Start, il Centro operativo, le Impostazioni, saranno simili, nel 'formato', su PC come su smartphone, ma, all'atto pratico, l'utilizzo sarà il medesimo, proprio perché lo smartphone rimarrà uno smartphone e il PC rimarrà indispensabile per molte attività.

Windows continuerà ad abbellirsi, con nuovi linguaggi stilistici, nuove animazioni, nuove funzioni, nuove applicazioni, anche PWA, ma continuerete a non poterlo utilizzare alla stessa maniera su un frigorifero smart come su Xbox, sul prossimo smartwatch Microsoft (anch'esso modulare, nell'hardware) come su un Surface. Questo è certo. Il resto, per ora, sono solo chiacchiere (non ufficiali, fra l'altro, né autorevoli).
Articolo di HTNovo
Creative Commons License