CIO: "I videogiochi sono sport" | Possibile scenario olimpico



Storico comunicato del Comitato Olimpico Internazionale che riconosce i videogiocatori come atleti che si allenano.

Videogiochi-sport
La giornata di ieri ha visto il pronunciamento di un comunicato ufficiale del CIO (Comitato Olimpico Internazionale), massimo organo che regola lo sport mondiale, che è il primo passo storico verso il riconoscimento degli e-sport come discipline sportive a tutti gli effetti.
La nota è stata diramata dopo l'ultimo Summit tenutosi a Losanna.
Gli e-sports competitivi possono essere considerati un'attività sportiva, e i giocatori coinvolti si preparano e allenano con un'intensità che può essere paragonata a quella degli atleti delle discipline tradizionali. Gli 'e-sports' sono in forte crescita, in particolare fra i giovani dei vari Paesi, e ciò può essere la piattaforma per un coinvolgimento nel movimento olimpico. Il Comitato Olimpico Internazionale ha un dialogo con l'industria dei videogiochi e i cibernauti per esplorare maggiormente questa area e le possibilità che offre".
Il primo, reale banco di prova per i videogiochi sportivi sarà offerto dai prossimi Giochi d'Asia, che si terranno in Indonesia, e gli stessi videogiochi agonistici sono stati inseriti dagli organizzatori delle Olimpiadi parigine del 2024 come possibile nuova disciplina nello scenario olimpico ufficiale.

Più che un'apertura, una seria candidatura.
Articolo di HTNovo
Creative Commons License