Da Groove Musica a Spotify: cambia il catalogo per lo streaming musicale Microsoft



Microsoft ha annunciato ufficialmente la sua collaborazione con Spotify, limitando le funzionalità di Groove Miscica, prima dell'interruzione definitiva.

Groove-Musica-Spotify
Nella serata di ieri, con un comunicato ufficiale, Microsoft ha annunciato l'inizio di una partnership con il colosso dello streaming musicale Spotify, sancendo la fine delproprio servizio Groove Musica, fra lo stupore generale, in quanto l'app era stata costantemente aggiornata e resa omogenea alle altre, anche con il nuovo linguaggio stilistico (Fluent Design) dell'ultima versione di Windows 10.
Le modifiche sono già effettive e gli abbonati al servizio Microsoft su versioni Insider possono già passare a Spotify oggi, trasferendo musica e Account; dal 9 ottobre, anche gli utenti del ramo Production potranno migrare al nuovo servizio, con 60 giorni di streaming gratuito offerti da Spotify.

A partire  dal prossimo 1 gennaio 2018, l'applicazione Groove Musica continuerà ad essere aggiornata ed utilizzabile esclusivamente per riprodurre musica già scaricata o salvata su OneDrive.

Non saranno più disponibili all'acquisto i Groove Music Pass, con rimborsi previsti da Microsoft per coloro che hanno sottoscritto un abbonamento.

Tutte le informazioni e le modalità nella pagina ufficiale Microsoft Groove Music e Spotify: FAQ.

Anche se gli appassionati di Groove Musica saranno dispiaciuti, il passaggio a Spotify per lo streaming musicale anche da software Microsoft è sicuramente una nota positiva per gli amanti della musica, visto che il cambio di catalogo offrirà una scelta molto più ampia, curata ed aggiornata, di contenuti di ogni genere.
Articolo di HTNovo
Creative Commons License