Microsoft: 'siamo pienamente impegnati nei dispositivi'



Microsoft spazza via le recenti ombre sul futuro della sua divisione hardware, esaltando i nuovi prodotti e quelli futuri.

Microsoft-impegno-pieno-dispositivi
Non più di qualche giorno fa, diversi 'autorevoli' analisti avevano rilasciato dichiarazioni in merito ad una possibile chiusura della linea Surface da parte di Microsoft, entro il 2019, complice - con ogni probabilità - lo stand-by della produzione hardware del settore Mobile.

A qualche ora dalla presentazione del nuovo Surface Book 2Yusuf Mehdi, responsabile del gruppo Windows e Devices di Microsoft, afferma che la divisione hardware aziendale non è mai stata così attiva e non ha mai posseduto mezzi di progettazione e di legame software/hardware come in questo momento e che il futuro sarà ricco di nuovi device Microsoft di ogni segmento.
Siamo completamente impegnati per le attività dei dispositivi di Microsoft e le linee Surface, Xbox e HoloLens.
Viviamo sui telefoni ma non c'è una tela migliore per la creatività rispetto al PC.
Vogliamo costruire l'ultimo computer portatile se è il più potente, il design migliore o la versatilità.
Tutto quel potere e velocità non arriva senza sacrificare la velocità o la durata della batteria.
Surface Pen, Surface Dial, 17 ore di autonomia non si possono avere sui MacBook.
La creazione non è mai stata più importante di quanto oggi sia nella nostra mente. Pensiamo che l'opportunità sia davanti a noi. Siamo in quest'ottica per ogni rilascio futuro. Vogliamo che Surface continui a farlo e siamo entusiasti di lavorare con i nostri partner. Il nostro ecosistema non ottiene la quantità di credito che dovrebbe.
Il dirigente ha fatto altri riferimenti ai prodotti della concorrenza, sottolineando come il nuovo Surface sia due volte più potente del miglior MacBook.

Nulla di nuovo per noi che abbiamo sempre sostenuto che le chiacchiere restano tali e le dichiarazioni dei dirigenti veramente autorevoli ed importaniti sono le uniche che prendiamo in considerazione e che equipariamo a fatti concreti.
Via: Silicon
Articolo di HTNovo
Creative Commons License