Cambridge Analytica cessa l'attività causa scandalo Facebook



Con un comunicato stampa ufficiale, la società britannica dichiara la chiusura delle attività per impossibilità a proseguire, dopo lo scandalo facebookgate.

Cambridge-Analytica-cessa-scandalo-Facebook
A sorpresa, la società britannica Cambridge Analytica dichiara la cessazione dell'attività a causa del clamore mediatico al quale è stata sottoposta dopo lo scandalo Facebook e il trattamento improprio di dati personali degli utenti, utilizzati per influenzare le elezioni politiche e referendarie di Stati Uniti d'America, Gran Bretagna e, ricordiamolo, in misura minore, d'Italia.
I vertici di Cambridge Analytica hanno affermato che tutti i loro clienti si sono allontanati, cessando ogni rapporto e contratto stipulato, proprio per mancanza di fiducia dopo gli avvenimenti delle ultime settimane. Impossibile, dunque, continuare, in mancanza di entrate economiche.

Il comunicato stampa ufficiale, con il quale l'azienda britannica dichiara di aver avviato le procedure di insolvenza nel Regno Unito e di bancarotta negli USA, contiene anche accuse e affermazioni di comportamenti irregolari da parte di media e opinione pubblica.
Negli ultimi mesi, Cambridge Analytica è stata oggetto di numero accuse infondate e, nonostante i tentativi della società di correggere le dichiarazioni, è stata attaccata per attività che non solo sono legali, ma sono anche accettate ampiamente come componente base della pubblicità online, sia in campo politico che commerciale. 
Nonostante la salda fiducia di Cambridge Analytica nel fatto che i suoi dipendenti abbiano agito in modo etico e legale, l'assedio dei media ha fatto fuggire praticamente tutti i nostri clienti e fornitori. Come risultato, si è deciso che non è più possibile continuare a gestire l'attività.
Ricordiamo che Cambridge Analytica non è una società distinta, ma fa parte del gruppo inglese Scl Group, dunque, non è da escludere la formazione di una nuova società, in futuro, con un brand diverso ma con gli stessi uomini ad amministrarla.
Via: HDblog
Articolo di HTNovo
Creative Commons License