I prossimi nomi in codice di Windows 10 saranno Vanadium e Vibranium



Microsoft sembra intenzionata ad assumere nuovamente nomenclature caratteristiche per gli step di sviluppo del suo Sistema operativo.

Nomi-in-codice-Windows-10
Durante lo scorso mese di marzo 2018, vi abbiamo comunicato il termine del ramo di sviluppo Redstone, anticipandovi l'assunzione da parte di Microsoft di sigle alfanumeriche per l'identificazione degli step semestrali che anticipano ognuno dei due Major Update annuali di Windows 10.
Come si è poi verificato, l'attuale release del Sistema in fase di test è denominata 19H1, sigla che fa riferimento all'anno (19) e al semestre (H1) che vedrà la disponibilità pubblica del nuovo software.

Microsoft aveva lasciato intendere che la strada per i successivi aggiornamenti avrebbe percorso tale linea, indicando 19H2 come sigla per lo sviluppo della versione estiva, con rilascio previsto per l'inizio dell'autunno 2019.

A qualche mese di distanza, i piani di Redmond per consentire l'identificazione di codice di Windows 10 sembrano essere nuovamente cambiati e si potrebbe tornare ad indicare ogni step con appellativi caratteristici, come sempre stato dal lancio del Sistema operativo.

Dopo i due step di Threshold e i 5 di Redstone, 19H1 dovrebbe rappresentare l'unica parentesi che prevede una sigla alfanumerica, con lo sviluppo della release per la seconda parte del 2019 che assumerebbe il nome in codice Vanadium, anziché 19H2, come inizialmente previsto.

Secondo quanto riferito, Microsoft ha intenzione di utilizzare codici della Tabella periodica degli elementi, così come fa per lo sviluppo di Azure, seguendo l'ordine ufficiale.

Se così fosse, tuttavia, l'elemento che segue il Vanadio (elemento 23) è il Cromo (Chromium nella nomenclatura internazionale), dunque sarebbe decisamente improbabile che Microsoft attribuisca un nome ad un suo prodotto, anche se solo in codice, identico ad uno blasonato della concorrenza.

Ecco che la prima versione di Windows 10 del 2020, quella successiva a Vanadium, prevista per la primavera di quell'anno, potrebbe, secondo la nostra fonte, essere chiamata Vibranium, nome di un elemento immaginario (Vibranio), non presente in natura, ma conosciuto come componente dello scudo di Capitan America. Scudo che è anche il simbolo di Sicurezza di Windows, dunque, la voce potrebbe essere fondata.

L'attuale 19H1 sarà in auge sino alla fine di marzo del 2019, dunque abbiamo tempo per saperne di più, come ne ha Microsoft per confermare o cambiare nuovamente idea.
Fonte: ZDNet
Articolo di HTNovo
Creative Commons License