Top Nav

Come installare Windows 11 su qualsiasi PC

ago 19, 2021

I requisiti minimi imposti da Microsoft non rappresentano un ostacolo per eseguire correttamente il nuovo Sistema operativo sul tuo dispositivo.

Come installare Windows 11 su qualsiasi PC

Windows 11 è il nuovo software per dispositivi desktop e tablet annunciato ufficialmente da Microsoft lo scorso mese di giugno, già in distribuzione da diverse settimane nel circuito Insider ed in arrivo pubblicamente - sui nuovi PC e come aggiornamento gratuito in device che eseguono Windows 10 - a partire dalla terza settimana di ottebre 2021.

Abbiamo speso diversi articoli nei mesi passati per illustrare le dinamiche imposte da Microsoft che prevedono requisiti minimi e consigliati decisamente selettivi per la maggioranza dei device attivi ed in commercio così come per ovviare e superare tali paletti, con trucchi, suggerimenti e passaggi ufficiali, riuscendo tranquillamente ad installare e mantenere correttamente aggiornato Windows 11 su qualsiasi PC, indipendentemente dal rispetto dei requisiti minimi necessari.

Prima di tornare ad entrare nuovamente nel dettaglio, adesso che Windows 11 è decisamente stabile, con la nuova RTM che è presente nei canali di distribuzione Dev e Beta del Programma Insider, e che da qui ad ottobre riceverà (come sta già accadendo) solamente aggiornamenti cumulativi (che in Windows 11 sono anche di funzionalità) fondamentalmente per limare dettagli e migliorare le performance generali ed aggiungere piccole nuove feature presenti ad ogni nuovo rilascio, è bene sottolineare che il Sistema funziona perfettamente anche su dispositivi che non rispettano (neanche minimamente) i requisiti richiesti (consigliati o obbligatori). 

Windows 11 può essere installato su qualsiasi PC!

Ogni macchina che esegue tranquillamente gli ultimi Sistemi modern di Microsoft, quindi dalla prima versione di Windows 8 (2012) alle ultime di Windows 10, può altresì tranquillamente eseguire Windows 11. Tutto sta nel riuscire ad installare il nuovo Sistema

Una volta che l'installazzione è stata correttamente portata a termine, se il dispositivo eseguiva senza problemi Windows 8, 8.1 e/o Windows 10, eseguirà senza intoppi anche Windows 11.

Vuoi un esempio? Eccolo di seguito:

Come installare Windows 11 su qualsiasi PC

Il PC dal quale ho preso lo screenshot postato, come puoi vedere da solo, è un Acer Aspire E1-522,  dispositivo ingegnerizzato all'inizio degli anni '10, quando il TPM 2.0 non era nemmeno stato concepito e quando mancava almeno un lustro alle sue prime implementazioni su hardware più moderno.

Il PC è nato con la primissima versione di Windows 8, aggiornato poi a Windows 8.1 e, successivamente, a tutte le versioni (Insider e stabili) di Windows 10, sino a tutte le versioni finora conosciute e rilasciate (leak compreso) di Windows 11. Lavoro regolarmente con questo PC, usufruendo senza il minimo problema di tutte le funzionalità di Windows 11, così come ho avuto a disposizione in precedenza tutte quelle di Windows 10 e Windows 8/8.1.

Anche Windows 10 non consente - a volte - il passaggio ad una nuova versione perché viene segnalata una incompatibilità hardware. Quasi sempre un driver video che non risulta al passo con un nuovo rilascio. Una volta installata la nuova versione, però, non solo il driver e tutto il resto funzionano bene, ma lo stesso driver viene anche aggiornato, se realmente necessario e il PC è ancora supportato da produttore, via Windows Update, segno che il Sistema di controllo in fase di setup messo a punto da Microsoft fa, troppo spesso, acqua da più parti e non è in sintonia e comunicazione con il resto delle stanze del software che contano veramente.

Ricordiamo che il nuovo SO Microsoft è, almeno per il momento, un Windows 10 evoluto con una nuova UI, nulla di più. Non ha un codice né un kernel riscritti da zero, ma questi sono i medesimi di Windows 10 (che erano i medesimi di Windows 8), con i dovuti miglioramenti e le sostanziali differenze, che non ne pregiudicano, tuttavia, il passaggio alla versione successiva.

Dunque, se il tuo PC funziona bene con Windows 10 o Windows 8, stai pur certo che funzionerà altrettanto bene anche con Windows 11. Devi solo riuscire a portare a termine l'installazione del Sistema. Chi mi segue da tempo, sa che quando dico 'funzionare bene' intendo 'funzionare alla perfezione'. Non accetto compromessi o mezze misure, pretendendo sempre il massimo dai miei dispositivi (desktop e mobile) e dal software in esecuzione.

Come posso installare Windows 11 su qualsiasi PC?

Per installare Windows 11 su un PC ufficialmente non compatibile perché sprovvisto dei requisiti minimi, innanzitutto, non devi procedere tramite aggiornamento ma devi eseguire un'installazione pulita. Questo perché le falle del sistema di setup Microsoft vengono a galla anche a processo in corso, con la conseguenza che puoi vedere vanificato il tutto anche dopo molto tempo trascorso dall'inzio della procedura.

Per installare in pulito Windows 11, devi salvare tutti i tuoi dati e i tuoi file personali altrove, per poi reinserirli ad installazione completata. Puoi farlo utilizzando servizi cloud o dischi/pendrive fisici.

Quindi, dovrai procurarti un file .ISO di Windows 11. Microsoft rende disponibili ISO ufficiali nel circuito Insider, mentre ad ottobre ci saranno anche quelle pubbliche.


Se vuoi installare Windows 11 adesso, senza entrare nel circuito Insider, hai diverse possibilità per avere la tua ISO, o preparandotela da solo, se sei in grado, seguendo magari diversi tutorial presenti online, o scaricandone dal Web una già pronta, affidandoti a siti o appasionati conosciuti e 'certificati', come Wzor su Twitter, dai quali, ad esempio, io scaricai la primissima ISO trapelata di Windows 11, utilizzandola con successo per portare a termine l'installazione di Windows 11 su un PC senza il minimo requisito hardware richiesto.

Modificai quella ISO, eliminando dal setup il controllo per verificare la presenza del TPM 2.0, elemento chiave che non consente (solo ufficialmente) l'installazione di Windows 11 sulla maggioranza dei PC in attività. La procedura per modificare la ISO di Windows 11 ed eludere il controllo riguardante il TPM 2.0 è in questo articolo.

Oltre alla presenza del chip TMP 2.0, ti ricordo che i requisiti minimi obbligatori per poter installare (ripeto installare, non eseguire) Windows 11 su un PC prevedono, fondamentalmente, l'attivazione del Secure Boot nel BIOS, 4 GB di RAM e disco da 64 GB.

Se il metodo descritto sopra, che continua a funzionare per la maggioranza degli utenti che hanno riferito, non dovesse funzionare per te, ne hai un altro ancor più semplice e all'apparenza contraddittorio per installare senza problemi Windows 11 sul tuo PC un po' datato.

Questo metodo che vado ad illustrarti l'ho utilizzato per installare il nuovo Sistema operativo su PC che hanno 10 anni di vita sul groppone. Naturalmente, Windows 11 va benissimo, in tutto e per tutto, su quei dispositivi. Dopo l'installazione, vengono aggiornati tutti i driver e il Sistema riceve regolarmente tutti gli aggiornamenti rilasciati da Microsoft, App dallo Store, ovviamanete, comprese.

Tutte le innovazioni e le caratteristiche distintive introdotte da Microsoft con il nuovo Sistema operativo sono disponibili e funzionano correttamente. Sia estetiche (trasparenze, angoli arrotondati, nuovi menu etc.) che funzionali.

Come abbiamo visto più in alto, fra i requisiti minimi richiesti c'è l'attivazione del Secure Boot. Questo paletto ha fatto desistere dal provare ad installare il nuovo software tutti quegli utenti che sono in possesso di PC privi di BIOS UEFI, la versione più 'moderna' per l'alloggiamento del firmware. Coloro che hanno device con solamente la versione Legacy del BIOS hanno pensato che Windows 11 non sarebbe mai potuto essere installato su quei PC, visto che il Secure Boot è presente solamente e rigorosamente in BIOS UEFI.

Bene, come accade spesso in informatica, è proprio qui che puoi eludere tutti i paletti imposti da Microsoft per isntallare Windows 11 su qualsiasi PC. Che tu abbia un Bios con la doppia possibilità o solamente Legacy, impostalo in Legacy e procedi ad installare in pulito tramite ISO preparata su DVD o pendrive. L'installazione andrà sicuramente in porto.

Perché e come è possibile? Semplice: il BIOS in Legacy sorvola su Secure Boot ed altre opzioni presenti solamente nei BIOS UEFI ed indurrà, quindi, il controllo di Windows in fase di setup a fare altrettanto.

Avere il Secure Boot attivato o non prevedere la presenza del Secure Boot è la stessa cosa.
Dunque, impostando il BIOS in Legacy è come se tu avessi il Secure Boot regolarmente attivato.

Dopo aver installato Windows 11, potrai ripristinare il BIOS del tuo PC in UEFI e, se vorrai, attivare il Secure Boot, per una maggiore sicurezza del tuo Sistema. Oltre a ciò, dovrai eseguire una piccola operazione con il Prompt dei comandi per ripristinare lo schema GPT del tuo disco (Hard Disk o SSD), più moderno e con numerosi vantaggi in termini di ottimizzazione, sicurezza e performance, in quanto la procedura di passaggio a BIOS Legacy + Installazione nuova versione di Windows, darà al tuo disco il vecchio schema MBR, caratteristico dele macchine con BIOS legacy. 

Potrai prima riconfigurare il disco con lo schema GPT e poi entrare nel BIOS ed impostarlo nuovamente su UEFI.

Per convertire l'unità disco del tuo PC da MBR a GPT, bastano pochi secondi; puoi agire nella maniera seguente.

In una finestra del Prompt dei comandi (amministratore), digita quanto segue premendo Invio:

mbr2gpt /convert /allowfullOS

Come installare Windows 11 su qualsiasi PC

Al termine dell'operazione, chiudi il Prompt dei comandi (amministratore), riavvia il PC, entra nel BIOS ed impostalo nuovamente in UEFI.

Al nuovo accesso, goditi il Windows 11 sul tuo PC, qualsiasi esso sia.

Articolo di HTNovo
Creative Commons License

Modulo di contatto

Archivio