Top Nav

Coronavirus e Smart Working, 5 consigli per genitori che lavorano da casa

mag 31, 2020

Può non essere facile lavorare da remoto dando un occhio anche ai propri figli quando la casa diventa anche l'ufficio.

Coronavirus e Smart Working, 5 consigli per genitori che lavorano da casa

La pandemia da nuovo Coronavirus ha stravolto le abitudini di migliaia di aziende e milioni di lavoratori nel mondo, con un netto aumento di attività di Smart Working, a tempo pieno o parziale, quasi sempre operato dalla propria abitazione. Per chi è smartworker e genitore al tempo stesso, ecco a seguire 5 consigli offerti da Microsoft per gestire al meglio la nuova situazione in famiglia (e al lavoro).

di Jared Spataro, Corporate Vice President per Microsoft 365

Solo poche settimane fa, ascoltando o vedendo, i figli dei nostri colleghi durante una riunione sarebbero stati straordinari. Oggi fa tutto parte del lavoro di una giornata. Con le scuole e gli asili nido chiusi in tutto il mondo, e così tanti di noi che lavorano in remoto, le linee tra lavoro e casa sono davvero sfumate. E mentre è delizioso vedere un bambino correre dietro il nostro schermo, questa situazione è innegabilmente dura per i genitori.

Per aiutare i nostri dipendenti a bilanciare lavoro e assistenza all'infanzia, questa settimana abbiamo distribuito  un lavoro interno da casa come guida per i genitori. È pieno di suggerimenti e pratiche condivise che abbiamo raccolto dai genitori di Microsoft, incluso l'elaborazione di un piano come famiglia, la comunicazione del programma con i colleghi e la ricerca di modi divertenti per coinvolgere i bambini durante la giornata lavorativa. Abbiamo pensato che anche i nostri clienti lo avrebbero trovato utile, quindi abbiamo creato una versione da condividere anche con i tuoi dipendenti .

Anne Michels nel mio team ha contribuito a creare questa guida. Come madre della giovane Tori, Anne sa in prima persona quanto possa essere difficile questo momento per i genitori che lavorano. Qui, le ho chiesto di condividere alcuni dei modi in cui lei e la sua famiglia stanno navigando in questo periodo. Oltre ad Anne.

Quando io e mio marito abbiamo avuto la notizia che il nostro asilo nido si sarebbe chiuso a metà marzo, ci siamo resi entrambi ansiosi. Come potremmo lavorare da casa a tempo pieno mentre guardiamo un bambino? Nostra figlia Tori ne ha appena compiuto uno e ha più energia di noi due insieme. Impedirle di fare cose come mettere le pietre in bocca o mangiare fuori dall'immondizia richiede una costante supervisione.

Avanzamento rapido di quattro settimane. Dopo un mese intero di tentativi di bilanciare due lavori a tempo pieno con la cura di Tori, non ti mentirò: è stata dura. È stato travolgente. Ed è stato estenuante. Ma a poco a poco stiamo iniziando a imparare come far funzionare questa situazione. Qui, sto condividendo i suggerimenti e gli hack quotidiani che stanno aiutando la mia famiglia a superare. Li condivido riconoscendo che ogni famiglia è unica e ognuno di noi sta affrontando la propria serie di sfide. Spero comunque che li troverai utili mentre ti fai strada in questo momento impegnativo.

1. Accetta che non c'è nulla di normale nel "nuovo normale"

Tutte le nostre vite sono state influenzate da COVID-19 e l'incertezza governa il giorno. Non sappiamo per quanto tempo rimarranno chiuse le scuole e gli asili nido, o quando saremo in grado di tornare al nostro lavoro, o anche come sarà la vita "normale" quando sarà finita. L'unica cosa che è normale in questo momento? Sensazione di ansia. Questa è una situazione nuova e difficile per tutti noi, quindi ricorda di mettere al primo posto la tua salute e la tua famiglia e di essere gentile con te stesso.

L'ho imparato a mie spese. Quando l'asilo nido di Tori ha chiuso per la prima volta, ho cercato di mantenere tutto uguale. Ho provato a lavorare nelle stesse ore e allo stesso ritmo. Ho cercato di prendermi cura di Tori come avevo fatto prima: cucinando pasti freschi per lei, portandola fuori a fare passeggiate ogni giorno, avevo persino programmato di usare questo tempo per allenarmi nel sonno! Come puoi immaginare, questo non ha funzionato. La prima settimana ho dormito a malapena. Spingermi a fare tutto ciò mi ha fatto sentire costantemente al limite, e questo non era salutare per me, la mia relazione o Tori.

Mi ci è voluto un po 'per accettare che la situazione attuale non può essere paragonata alle nostre vite solo un paio di mesi fa. E non dovremmo trattarlo come tale. Mio marito ed io siamo passati dal cercare di essere sia i "migliori" genitori che i "migliori" impiegati, e ora stiamo solo cercando di fare il meglio che possiamo per superare questo momento.

2. Fai un piano, ma sii flessibile!

Una cosa che mio marito ed io abbiamo ragione: non appena abbiamo saputo della chiusura dell'asilo di Tori, abbiamo fatto un piano di gioco. Poiché entrambi abbiamo un lavoro a tempo pieno, abbiamo deciso di condividere il carico e dividere la giornata in turni. Ogni giorno della settimana, uno di noi lavora la mattina, l'altro osserva Tori. E poi passiamo al pomeriggio. In questo modo, entrambi abbiamo un intervallo di tempo per concentrarci sul lavoro. Abbiamo anche condiviso i nostri calendari l' uno con l'altro, il che aiuta se dobbiamo apportare una modifica spontanea.

Mentre è davvero bello avere un piano, ho imparato a non essere troppo severo al riguardo. Le cose vanno al lavoro ogni giorno che non possiamo pianificare, e questo è almeno doppiamente vero per la genitorialità! La flessibilità ci consente di rispondere alle esigenze di Tori rimanendo ragionevolmente al top dei nostri carichi di lavoro.

3. Ripensare il lavoro

Quando guardo Tori, non posso non lavorare come farei normalmente. Quindi ho dovuto ripensare sia le ore lavorative che le mie priorità . Ora lavoro spesso la mattina presto o più tardi la sera quando Tori è a letto. E con il tempo che mi sento così limitato in questi giorni, sto dando la priorità al lavoro più importante e mi sto concentrando esclusivamente sul portare avanti quel lavoro.

Prima di apportare qualsiasi modifica, ho discusso con il mio manager che ha avuto un buon input su dove dovrei mettere le mie priorità. Consiglio inoltre a tutti di parlare con il proprio team delle risorse umane per comprendere le opzioni che la vostra azienda potrebbe offrire a supporto dei genitori durante questo periodo. Microsoft, ad esempio, ha reso disponibili ulteriori opzioni di congedo per i genitori per i quali al momento non sono in grado di lavorare a casa con i propri figli.

4. Comunicare presto e spesso

Se decidi di cambiare l'orario di lavoro, assicurati di comunicarlo alle persone con cui lavori. La mia squadra e i miei colleghi fanno affidamento su di me e voglio assicurarmi che le mie ore cambiate non li rallentino. Comunico la mia disponibilità in più modi: tramite un messaggio di stato in Microsoft Teams, un messaggio fuori sede nella posta di Outlook e ho bloccato le ore offline sul mio calendario. Ho anche iniziato a condividere aggiornamenti proattivi più regolarmente, soprattutto se ci sono cambiamenti nella sequenza temporale di un prodotto o di un progetto. Ciò consente ai miei colleghi di pianificare di conseguenza i lavori dalla loro parte.

5. Ottieni il massimo dal tempo delle riunioni

Dopo aver lavorato da casa per quattro settimane, ho scoperto un paio di hack che mi hanno permesso di essere produttivo mentre guardavo Tori. Come molte persone, ho incontri durante il giorno, ma non sempre devo essere davanti a un laptop per loro. Quindi ho iniziato ad allinearmi con Tori durante le chiamate o le riunioni. Tori e io prendiamo un po 'd'aria fresca, e posso fare anche un piccolo esercizio.

A casa, partecipo alla maggior parte delle riunioni con il mio telefono utilizzando le cuffie wireless. In questo modo, posso partecipare a una chiamata mentre sono seduto accanto a Tori mentre suona sul pavimento. Alla sua età, non credo che si renda conto che non sto parlando con lei ma con un collega. Lo svantaggio è che non riesco ad accendere il mio video e che le sue prime parole potrebbero essere "criteri di conservazione" o "flusso di iscrizione". Ma prendo una vittoria dove posso ottenerlo!

Mentre ogni giorno porta nuove sfide, la nostra famiglia sta imparando a bilanciare il lavoro da casa con l'assistenza all'infanzia durante questo periodo senza precedenti. Abbiamo scoperto che accettare i limiti della situazione, creare un programma familiare, ripensare il modo in cui affrontiamo il lavoro, comunicare presto e spesso e provare nuovi approcci alle riunioni ci ha aiutato a svolgere il lavoro mentre ci prendevamo cura di nostro figlio. Mentre riconosco che ogni situazione è diversa, spero che questi suggerimenti aiutino te e la tua famiglia a navigare nella vostra nuova normalità.
Fonte: Microsoft
Articolo di HTNovo
Creative Commons License

Modulo di contatto

Archivio