Top Nav

Zoom ci ripensa e offre la crittografia end-to-end a tutti

giu 18, 2020

Anche gli account gratuiti avranno privacy e protezione assicurate durante le conversazioni in videochiamata.

Zoom ci ripensa e offre la crittografia end-to-end a tutti
Avevamo definito la scelta di Zoom di offrire la crittografia end-to-end solo agli account paganti una mossa azzardata che poteva mettere a rischio il clamoroso successo del servizio di videoconferenze avuto dopo l'esplosione della pandemia da nuovo Coronavirus, non più di un paio di settimane fa.
Adesso, l'azienda ci ripensa e annuncia che la massima privacy per le conversazioni è offerta a tutti gli account, compresi quelli gratuiti.

Le nuove impostazioni saranno effettive dal prossimo mese.

La crittografia end-to-end (E2EE) può creare problemi alla qualità delle videoconferenze in alcune configurazioni hardware e può essere disabilitata dagli utenti, dunque, per impostazione predefinita, tutti gli account continueranno ad utilizzare il sistema di crittografia GCES AES 256.

Per poter utilizzare la massima protezione offerta dalla crittografia end-to-end (E2EE), gli account gratuiti di Zoom dovranno confermare di essere persone reali autenticando la propria identità con una verifica in due fattori (numero di telefono e messaggio testuale).
Via: Engadget
Articolo di HTNovo
Creative Commons License

Modulo di contatto

Archivio