Top Nav

[Video] 17.572 persone cantano in coro dalle loro case

lug 21, 2020

La pandemia ha fatto salire vertiginosamente il numero di partecipanti di Virtual Choir.

[Video] 17.572 persone cantano in coro dalle loro case
Arriva su YouTube l'ultima registrazione di Eric Whitacre, compositore che mette insieme migliaia di cantanti che eseguono perfettamente sincronizzati e da remoto pezzi di musica composta dallo stesso artista.


Quando pensi a un coro, probabilmente ti metti davanti un descrittore: un coro di scuola, un coro di chiesa, un coro di comunità. Cantare in un coro di solito significa che stai in piedi in un folto gruppo di persone, cantando canzoni e inchiodando quelle armonie insieme. Ma cosa succede quando non riesci a riunirti di persona per cantare? 

È qui che entrano in scena i cori virtuali. Il compositore e direttore Eric Whitacre li mette insieme da oltre un decennio, molto prima che la pandemia ci lasciasse bloccati a casa — e la sua collaborazione più recente, che ha debuttato su YouTube il 19 luglio, è il suo più grande progetto ancora. 

Whitacre ha iniziato a organizzare Virtual Choirs nel 2009, quando una fan ha caricato un video di se stessa cantando una delle sue composizioni corali. Vide il video, poi chiese ad altri di registrarsi cantando le altre parti della stessa composizione per formare un "coro". Quel primo gruppo comprendeva 185 cantanti, e da allora ognuno è diventato sempre più grande, a oltre 8.000 voci per la quinta esibizione nel 2018.

Eric Whitacre Credit Marc Royce.jpg
Eric Whitacre (foto di Marc Royce)

Quest'anno, le iscrizioni a Virtual Choir sono salite alle stelle. Più di 17.000 cantanti da tutto il mondo hanno trovato il modo di partecipare alla sesta registrazione dall'isolamento delle proprie case. Tutti hanno imparato "Sing Gently", una canzone composta da Whitacre durante la pandemia. "Anche all'inizio, cammineresti per strada con le maschere e farei di tutto per non passare davanti a qualcuno", dice Whitacre. “Uno sconosciuto casuale diventerebbe una minaccia. Era difficile da vedere, e lo sentivo dappertutto. " Quindi i testi di "Sing Gently" incoraggiano le persone a "vivere con compassione ed empatia, e fare questo insieme", dice. 

Il team di coro virtuale utilizza tutti i video inviati, a meno che non vi sia un problema tecnico con la registrazione. Ciò significa che ci sono migliaia di video da sincronizzare insieme e migliaia di registrazioni audio da modificare in modo che il risultato suoni senza interruzioni. Questa volta, il team ha presentato tre montatori del suono, sei persone che hanno esaminato ciascuna proposta e due produttori esecutivi; la squadra era sparpagliata negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Sudafrica. In tre continenti diversi, hanno utilizzato Google Documenti e Fogli Google per tenere traccia dei loro progressi, gli strumenti per i webmaster di Google per gestire migliaia di indirizzi email e Google Translate per rimanere in contatto con i cantanti di tutto il mondo. I cantanti hanno controllato i canali YouTube del coro alla ricerca di video di prove, riprese di Whitacre che conducevano la canzone e domande e risposte con altri cantanti e compositori.

Sing Gently.jpeg
Il video di "Sing Gently" mostra i testi della canzone e le riprese dei cantanti, che hanno registrato dalle loro case.

È stato anche significativo il fatto che questi cantanti si siano riuniti (in senso figurato) in un momento in cui i musicisti sono improvvisamente senza lavoro. "È un momento particolarmente surreale per i cantanti, perché siamo stati etichettati come superscoverers", lamenta Whitacre, riferendosi a un termine per le persone che diffondono la malattia più degli altri; in un caso, dozzine di cantanti nello stato di Washington furono infettati dopo una pratica del coro. "Anche solo l'atto di cantare è pericoloso per le altre persone." Dice di essere stato colpito dal numero di partecipanti che gli hanno detto che era bello cantare di nuovo con gli altri, anche se in realtà non si stavano esibendo nella stessa stanza. 

Molly Jenkins, un amante del coro con sede nella Carolina del Nord, è stato uno dei 6.262 soprani che hanno preso parte a "Canta delicatamente". Aveva sempre desiderato unirsi a un coro virtuale, ma non ha mai trovato il momento perfetto per provarlo. Ma dal momento che non esiste un momento perfetto in una pandemia, ha deciso di trovare un modo per farlo funzionare. 

Con il telefono in mano per ascoltare le tracce della guida, Molly si esercitava quando e dove poteva: sotto la doccia, al tavolo della cucina mentre lavorava da casa, nel suo cortile e mentre ruttava il suo bambino. Quando è arrivato il momento di registrare la sua traccia, c'era un problema: trovare un posto tranquillo per registrare. "Non c'era spazio per registrare dove un bambino urlante e gorgogliante non avrebbe interrotto la presa", dice. 

È finita in macchina in una giornata piovosa, suonando la traccia del conduttore sul suo laptop e registrando la sua voce sul suo telefono. Gli ingegneri del suono sono stati in grado di isolare la sua traccia vocale dal rumore di fondo della pioggia che batte sul suo parabrezza. "Sono così felice di esserci andato", dice Molly.

Whitacre afferma che lo spirito di improvvisazione è la chiave per creare i suoi cori ed è grato che la tecnologia possa consentire grandi collaborazioni nonostante il distanziamento sociale. "Parla davvero al meglio della tecnologia", afferma. "Questo, penso, è il migliore delle promesse di Internet."
Fonte: Google
Articolo di HTNovo
Creative Commons License

Modulo di contatto

Archivio