Top Nav

Google migliora la privacy degli utenti nella pubblicità digitale

lug 31, 2020

Anche con nuovi strumenti che danno più info sugli annunci visualizzati.

Google migliora la privacy degli utenti nella pubblicità digitale
Google ha annunciato nuovi accorgimenti e miglioramenti a beneficio degli utenti e della loro privacy nella sua pubblicità digitale. Ecco i dettagli.

La privacy è fondamentale per il nostro lavoro su Google e per la nostra visione di una fiorente Internet in cui le persone in tutto il mondo possano continuare ad accedere ai contenuti supportati dalla pubblicità, sentendosi anche sicuri che i loro dati siano protetti. Ma per arrivarci, dobbiamo aumentare la trasparenza sul funzionamento della pubblicità digitale, offrire agli utenti controlli aggiuntivi e garantire che le scelte delle persone sull'uso dei loro dati siano rispettate, non aggirate o ignorate. 

Oggi condividiamo aggiornamenti sul nostro lavoro in queste aree, compresi nuovi strumenti che forniscono alle persone maggiori informazioni sugli annunci che vedono. Stiamo anche introducendo nuove risorse per gli esperti di marketing e gli editori che offrono indicazioni su come navigare nell'odierno ambiente di privacy, insieme a esempi reali di marchi e società di media che offrono esperienze pubblicitarie efficaci e all'avanguardia che utilizzano i dati in modo responsabile.

Maggiore trasparenza, più controllo

Per molti anni Google ha offerto una funzione chiamata Perché questo annuncio, dove da un'icona in un annuncio digitale, gli utenti possono ottenere maggiori informazioni su alcuni dei fattori che sono stati utilizzati per selezionare l'annuncio per loro, o scegliere di interrompere la visualizzazione di tale annuncio. Ci sono oltre 15 milioni di interazioni utente al giorno con Perché questo annuncio mentre le persone cercano di saperne di più e controllare gli annunci che vedono, e recentemente abbiamo esteso questa funzione agli annunci sui TV collegati. 

Nei prossimi mesi, miglioreremo l'esperienza con una nuova funzione chiamata Informazioni su questo annuncio, che mostrerà anche agli utenti il nome verificato dell'inserzionista dietro ogni annuncio. A proposito di questo annuncio sarà inizialmente disponibile per gli annunci display acquistati tramite Google Ads e Display & Video 360 e lo porteremo su altre superfici pubblicitarie nel corso del 2021.

A proposito di-questo-cropped_600pxwide.gif
Il nostro impegno per aumentare la trasparenza e offrire agli utenti un maggiore controllo va oltre le pubblicità mostrate da Google. A causa della complessità dell'ecosistema degli annunci digitali e del gran numero di entità coinvolte, in genere non è chiaro agli utenti quali aziende siano addirittura coinvolte nella loro pubblicità. Per fornire alle persone informazioni dettagliate su tutti gli annunci che vedono sul Web, stiamo rilasciando un nuovo strumento chiamato Ads Transparency Spotlight, ora disponibile per provare come estensione alfa dal Chrome Web Store . Continueremo a migliorare questa estensione in base al feedback degli utenti e, nel tempo, prevediamo di offrire ulteriori informazioni sugli annunci e introdurre controlli. La nostra speranza è che altri fornitori di tecnologia creino capacità di trasparenza e controllo simili anche nelle esperienze che offrono.

Evoluzione di Internet supportato da pubblicità

Chrome continua a esplorare modi più avanzati per la privacy del browser Web per supportare gli annunci digitali con l' iniziativa standard aperti Privacy Sandbox . Come parte della Privacy Sandbox, sono state pubblicate diverse proposte per nuove API che potrebbero risolvere casi d'uso come la selezione degli annunci, la misurazione delle conversioni e la protezione dalle frodi in un modo che non rivela informazioni identificative sui singoli utenti. Una delle API proposte, per i token di fiducia che potrebbero combattere le frodi pubblicitarie distinguendo tra bot e utenti reali, è ora disponibile per i test da parte degli sviluppatori e molti altri passeranno presto ai test live.

Una volta che questi approcci hanno soddisfatto le esigenze di utenti, editori e inserzionisti, Chrome prevede di eliminare gradualmente il supporto per i cookie di terze parti . Queste proposte vengono discusse attivamente in forum come il W3C . Il nostro team di annunci contribuisce attivamente a questa finestra di dialogo - come incoraggiamo qualsiasi parte interessata a fare - e prevediamo di incorporare le nuove soluzioni nei nostri prodotti negli anni a venire.

Stiamo anche esplorando una serie di altri approcci per migliorare la privacy degli utenti, garantendo nel contempo agli editori di guadagnare ciò di cui hanno bisogno per finanziare grandi contenuti e gli inserzionisti possono raggiungere le persone giuste per i loro prodotti. Ad esempio, supportiamo l'uso di dati proprietari di inserzionisti ed editori (sulla base di interazioni dirette con i clienti con cui hanno rapporti) per offrire esperienze più pertinenti e utili, a condizione che gli utenti abbiano trasparenza e controllo sull'uso di tali dati. Ciò che non è accettabile è l'uso di tecniche opache o nascoste che trasferiscono i dati sui singoli utenti e consentono loro di essere rintracciati in modo nascosto, come l'impronta digitale. Riteniamo che qualsiasi tentativo di rintracciare le persone o ottenere informazioni che possano identificarle, senza la loro conoscenza e autorizzazione, dovrebbe essere bloccato.
Gran parte della recente conversazione sul miglioramento della privacy degli annunci digitali si è concentrata sul Web, ma ci sono una serie di ambienti in cui le persone interagiscono con gli annunci digitali. Il nostro approccio tecnico e i dettagli di implementazione possono variare in base alle caratteristiche uniche di ciascuno, ma la nostra visione di elevare la privacy degli utenti preservando al contempo l'accesso ai contenuti gratuiti è coerente su Web, app mobili, TV connessa, audio digitale e in qualsiasi area successiva emerge potrebbe essere.
Articolo di HTNovo
Creative Commons License

Modulo di contatto

Archivio