Top Nav

Coronavirus e bufala 5G, Google interviene su YouTube

apr 6, 2020

Fake News ed errate informazioni non possono essere divulgate sulla piattaforma video di BigG in epoca Covid-19.

Coronavirus e bufala 5G, Google interviene su YouTube
In un periodo così drammatico per tutta l'umanità, le bufale non possono continuare ad essere ammesse nelle piattaforme social più importanti, prese d'assalto come non mai, al pari di tutto il resto di Internet e Web, in queste settimane di quarantena forzata per tutti.

Google interviene su YouTube in merito alla bufala che vuole (roba da matti!) il 5G e le antenne per la sua diffusione causa della pandemia da nuovo Coronavirus.

Secondo quanto riferito a The Guardian, i video che collegano 5G e Coronavirus adesso vengono rimossi e non sono più ammessi nella piattaforma video più popolare.
L'attenzione degli sviluppatori di YouTube sarà concentrata d'ora in avanti anche su ogni tipologia di informazione errata sull'argomento Covid-19.
Abbiamo chiare politiche che vietano i video che promuovono metodi non comprovati dal punto di vista medico per prevenire il coronavirus al posto della ricerca di cure mediche. Iniziamo ad eliminare le raccomandazioni sui contenuti borderline come le teorie cospirative relative al 5G e al coronavirus, che potrebbero disinformare gli utenti in modi dannosi.
Google ha anche dichiarato che resteranno su YouTube video a tema cospirazione 5G che non fanno alcun riferimento al Coronavirus. Tali video, tuttavia, saranno etichettati con 'Contenuto limite' e potrebbero essere rimossi in primis dai risultati di ricerca e, successivamente, dalla piattaforma stessa.
Articolo di HTNovo
Creative Commons License

Modulo di contatto

Archivio