Microsoft rende disponibile Defender ATP per macOS




Microsoft estende la disponibilità del suo servizio di protezione avanzato ai dispositivi che eseguono diverse versioni di macOS.

Defender-ATP-mac
Aggiornamento maggio 23, 2019 - Dopo la disponibilità limitata e ad inviti, annunciata nella stesura originaria (di seguito) di questo Articolo, Microsoft comunica oggi la possibilità per tutti gli utenti di eseguire la protezione avanzata di Windows Defender ATP su dispositivi con Sistema operativo Apple macOS, con Anteprima pubblica aperta (via MSPU).

Trovate dettagli e modalità d'installazione a questo indirizzo Microsoft.

Articolo originale - marzo 21, 2019 - Vi avevamo preannunciato l'avvio di collaborazioni da parte di Microsoft per estendere Windows Defender Advanced Threat Protection (ATP) anche ad altre piattaforme nel lontano novembre del 2017, in questo articolo.

Oggi, l'azienda di Redmond ha annunciato il rebranding del suo Sistema di protezione avanzato basato sul cloud proprio per permettere il suo utilizzo su altri Sistemi operativi, partendo dal desktop macOS di Apple. Windows Defender ATP diventa Microsoft Defender ATP, installabile su device macOS Mojave, High Sierra e Sierra.

Con Microsoft Defender ATP, gli utenti macOS possono proteggere i loro dispositivi con le seguenti possibilità di azione:
  • Esecuzione di scansioni, tra cui scansioni complete, rapide e personalizzate (consigliamo scansioni rapide in quasi tutti gli scenari)
  • Revisione delle minacce rilevate
  • Agire sulle minacce, inclusa la quarantena, rimuovere o consentire
Possibile anche configurare impostazioni avanzate, come, ad esempio:
  • Disabilitazione o abilitazione della protezione in tempo reale, protezione fornita dal cloud e invio automatico del campione
  • Aggiunta di esclusioni per file e percorsi
  • Gestione delle notifiche quando vengono rilevate minacce
  • Controllo manuale degli aggiornamenti di sicurezza
È possibile chiedere l'anteprima del nuovo software a questo indirizzo, con conferma che verrà inviata via-mail da Microsoft.

Per saperne di più, potete puntare a questo link.
Articolo di HTNovo
Creative Commons License