Case stampate in 3D in meno di un giorno a meno di 4000 euro | Video




Nuovo progetto concreto per la realizzazione di abitazioni utilizzando la stampa 3D portato avanti da un'associazione di beneficenza e un'azienda specializzata.

Case-3D
Alcuni di voi ricorderanno articolo e video riguardanti l'azienda Apis Cor, in grado di realizzare abitazioni con un'enorme stampante 3D in 24 ore, proponendole sul mercato per una cifra intorno ai 10.00$.

New Story, un'associazione benefica americana che si occupa povertà globale, in collaborazione con l'azienda ICON, specializzata in stampa 3D, si è spinta oltre, riuscendo a progettare e realizzare abitazioni complete in meno di un giorno, per circa 4000 dollari.
Lo scopo principale è quello di provare a risolvere il problema dei senzatetto, partendo dalle zone più povere del Centro America.

I progressi di ICON, rispetto alla startup Apis Cor, sono notevoli in termini di 'fattibilità' delle costruzioni, utilizzando una stampante che può essere comodamente spostata da 2 persone (altre devono essere presenti durante la stampa) e impiegando materiali moderni e di qualità, simili a quelli dell'azienda di San Francisco, con un costo finale più che dimezzato.

Dopo diversi prototipi realizzati, la prima reale abitazione 'vivibile', della grandezza di circa 75 mq, è stata presentata di recente ed è visibile nel video seguente.



Brett Hagler, CEO di New Story:
La cosa importante delle nostre case stampate in 3D è che non stiamo costruendo soluzioni temporanee. Laddove in alcune aree è assolutamente necessario un riparo temporaneo, costruiamo comunità che dureranno idealmente per generazioni.
Ovviamente, c'è un dibattito aperto e più che legittimo sull'effettiva valenza di queste soluzioni abitative come dimore permanenti, anche per le popolazioni più disagiate. Certo che le varie strade intraprese dalla ricerca e dagli investimenti per la stampa 3D lasciano sperare ad un futuro in cui tutti possano permettersi una casa, anche nelle zone più povere o impervie del pianeta.
Via: TNW
Articolo di HTNovo
Creative Commons License