Aggiornamento per Windows 10 versione 1903 - Build 18362.418






Patch Tuesday di ottobre 2019 per l'ultima versione stabile del Sistema operativo Microsoft per dispositivi desktop e tablet.

Aggiornamento-windows-10-18362.356
Microsoft rende disponibili gli aggiornamenti qualitativi e di sicurezza di ottobre 2019 per Windows 10 versione 1903 su dispositivi desktop e tablet.

Il nuovo KB4517389 contiene diverse correzioni ed ottimizzazioni all'esperienza d'uso ed utilizzo del software e porta Windows 10 stabile alla Build 18362.418.
Di seguito, il changelog ufficiale del nuovo pacchetto di file.
  • Risolve un problema nel bollettino sulla sicurezza CVE-2019-1318 che potrebbe causare computer client o server che non supportano il codice EMC (Extended Master Secret) RFC 7627 con latenza di connessione e utilizzo della CPU maggiori. Questo problema si verifica durante l'esecuzione di handshake TLS (Transport Layer Security) completi da dispositivi che non supportano EMS, in particolare sui server. Il supporto EMS è disponibile per tutte le versioni supportate di Windows dall'anno solare 2015 e viene incrementato progressivamente dall'installazione degli aggiornamenti mensili dell'8 ottobre 2019 e successivi.
  • Risolve un problema con le applicazioni e i driver di stampa che utilizzano il motore JavaScript di Windows ( jscript.dll ) per l'elaborazione dei lavori di stampa.
  • Aggiornamenti di sicurezza per Windows Shell, Internet Explorer, Microsoft Edge, piattaforma e framework per app di Windows, crittografia di Windows, autenticazione di Windows, archiviazione e file system di Windows, kernel di Windows, motore di scripting Microsoft e Windows Server.
Essendo oggi il secondo martedì del mese, oltre all'aggiornamento qualitativo, sono disponibili anche i consueti pacchetti per la sicurezza di Adobe Flash Player e rimozione malware.

Le nuove patch non sono update per 'Cercatori di aggiornamenti', dunque saranno cercate, scaricate ed installate in automatico da Windows Update, tranne in quei sistemi che vedono impostata la propria connessione internet come 'A consumo'.
Articolo di HTNovo
Creative Commons License