Top Nav

Coronavirus e disinformazione, Google ha rimosso 1 milione di video da YouTube

ago 26, 2021

Continua la lotta dei big hi-tech a fake news e messaggi pericolosi per gli utenti.

Coronavirus e disinformazione, Google ha rimosso 1 milione di video da YouTube

Fin dallo scoppio della pandemia da nuovo Coronavirus, primi mesi del 2020, tutti i colossi mondiali si sono dati da fare per combattere disinformazione e fake news sulle proprie piattaforme, cercando di aiutare il più possibile gli utenti ad avere accesso a canali ufficiali per poter compiere le scelte corrette ed affrontare in maniera consapevole la lotta al virus.

Quando la campagna vaccinale è ostacolata in ogni paese da improvvisati esperti virologhi e no-vax convinti, Google fa il punto sulla situazione e annuncia di aver rimosso da YouTube 1 milione di video che non rispettavano i canoni di qualità imposti dalla piattaforma. Vi riportiamo l'annuncio nella sua interezza, con approfondimenti sul metodo che utilizzano i responsabili dei servizi Google per combattere la disinformazione online, non solamente in materia COVID-19.

Non è solo ciò che togliamo, ma il modo in cui trattiamo tutti i contenuti che lasciamo che ci dà il miglior percorso da seguire.

La disinformazione si è spostata dal marginale al mainstream. Non più contenuto nei mondi sigillati dei negazionisti dell'Olocausto o dei veritieri dell'11 settembre, ora si estende in ogni aspetto della società, a volte facendo a pezzi le comunità con velocità vertiginosa. Apparentemente nessun argomento è immune. Troppo spesso abbiamo visto la disinformazione emergere nel bel mezzo delle ultime notizie. A seguito di eventi tragici come attacchi violenti, emergono teorie su tutto, dall'identità dell'assassino al movente. In questi momenti, quello che succede nel mondo accade anche su YouTube. Riflettiamo il mondo che ci circonda, ma sappiamo che possiamo anche contribuire a plasmarlo. Ed è per questo che abbiamo fatto del fermare la diffusione della disinformazione uno dei nostri impegni più profondi.

“Le rimozioni rapide saranno sempre importanti, ma sappiamo che non sono sufficienti. Invece, è il modo in cui trattiamo anche tutti i contenuti che stiamo lasciando su YouTube che ci offre il miglior percorso da seguire".

La soluzione potrebbe non essere quella che stai pensando: dobbiamo solo migliorare nel rimuovere più contenuti, più rapidamente, dal nostro sito. Abbiamo avuto questo obiettivo sin dall'inizio di YouTube attraverso le nostre Norme della community. Oggi rimuoviamo quasi 10 milioni di video al trimestre, la maggior parte dei quali non raggiunge nemmeno 10 visualizzazioni. Le rimozioni rapide saranno sempre importanti, ma sappiamo che non sono sufficienti. Invece, è il modo in cui trattiamo anche tutti i contenuti che stiamo lasciando su YouTube che ci offre il miglior percorso da seguire. 

La cosa più importante che possiamo fare è aumentare il bene e diminuire il male. Ecco perché su YouTube stiamo raccogliendo informazioni da fonti attendibili e riducendo la diffusione di video con disinformazione dannosa. Quando le persone ora cercano notizie o informazioni, ottengono risultati ottimizzati per la qualità, non per quanto sensazionale possa essere il contenuto. Ecco perché abbiamo inserito questo nucleo nel nostro approccio:

Innanzitutto, se ci concentriamo solo su ciò che rimuoviamo, perdiamo l'enorme quantità di contenuti che le persone effettivamente vedono. I contenuti dannosi rappresentano solo una piccola percentuale dei miliardi di video su YouTube (circa 0,16-18% delle visualizzazioni totali risultano essere contenuti che violano le nostre norme). E le nostre norme sono incentrate sulla rimozione di qualsiasi video che può causare direttamente gravi danni nel mondo reale. Ad esempio, dal febbraio del 2020 abbiamo rimosso oltre 1 milione di video relativi a informazioni pericolose sul coronavirus, come false cure o affermazioni di una bufala. Nel bel mezzo di una pandemia globale, tutti dovrebbero essere armati delle migliori informazioni disponibili per proteggere se stessi e le proprie famiglie.

Ma per identificare un chiaro contenuto negativo, hai bisogno di una chiara serie di fatti. Per COVID, ci affidiamo al consenso di esperti di organizzazioni sanitarie come il CDC e l'OMS per monitorare la scienza man mano che si sviluppa. Nella maggior parte degli altri casi, la disinformazione è meno chiara. Per sua natura, si evolve costantemente e spesso manca una fonte primaria per dirci esattamente chi ha ragione. Come all'indomani di un attacco, le informazioni contrastanti possono provenire da tutte le direzioni. I suggerimenti di crowdsourcing hanno persino identificato il colpevole o le vittime sbagliate, con effetti devastanti. In assenza di certezza, le aziende tecnologiche dovrebbero decidere quando e dove porre dei limiti nel torbido territorio della disinformazione? La mia forte convinzione è no. 

“In assenza di certezza, le aziende tecnologiche dovrebbero decidere quando e dove porre dei limiti nel torbido territorio della disinformazione? La mia forte convinzione è no".

Abbiamo visto questo gioco nei giorni che hanno seguito le elezioni presidenziali statunitensi del 2020. Senza una certificazione elettorale ufficiale a cui puntare immediatamente, abbiamo permesso alle voci di tutto lo spettro di rimanere in alto. Ma i nostri sistemi hanno fornito agli spettatori i contenuti più affidabili. Quella prima settimana, i canali e i video più visti per la copertura elettorale provenivano da agenzie di stampa affidabili. Una volta che gli stati hanno certificato i risultati elettorali all'inizio di dicembre, abbiamo iniziato a rimuovere i contenuti con false affermazioni secondo cui una frode diffusa avrebbe cambiato l'esito di qualsiasi elezione presidenziale statunitense passata. Da allora abbiamo rimosso migliaia di video per violazione delle nostre norme relative alle elezioni, con oltre il 77% rimosso prima di raggiungere le 100 visualizzazioni. 

Un approccio eccessivamente aggressivo nei confronti delle rimozioni avrebbe anche un effetto raggelante sulla libertà di parola. Le rimozioni sono uno strumento ottuso e, se utilizzate troppo ampiamente, possono inviare un messaggio che le idee controverse sono inaccettabili. Stiamo assistendo a un nuovo inquietante slancio intorno ai governi che ordinano la rimozione dei contenuti per scopi politici. E personalmente credo che stiamo meglio come società quando possiamo avere un dibattito aperto. La disinformazione di una persona è spesso la convinzione profondamente radicata di un'altra persona, comprese le prospettive che sono provocatorie, potenzialmente offensive o addirittura, in alcuni casi, includono informazioni che potrebbero non superare il controllo di un fact checker. Tuttavia, il nostro supporto a una piattaforma aperta significa una responsabilità ancora maggiore per connettere le persone con informazioni di qualità.

A volte mi viene chiesto se tralasciamo i contenuti di punta perché ne beneficiamo finanziariamente. Non solo abbiamo scoperto che questo tipo di contenuti non funziona bene su YouTube, soprattutto rispetto a contenuti popolari come musica e commedie, ma erode anche la fiducia di spettatori e inserzionisti. Abbiamo dedicato molto tempo e denaro per affrontare questo problema e, nel farlo, la nostra azienda, e quindi la nostra economia creativa, ne ha beneficiato. In breve, la responsabilità fa bene agli affari.

Alcuni probabilmente non saranno d'accordo con il nostro approccio e ci chiederanno di eliminare o lasciare ancora più contenuti, ma sono sostenuto dai progressi di questi primi investimenti. I nostri team continuano a lavorare 24 ore su 24 per migliorare i nostri sistemi e continueremo a costruire sul lavoro fondamentale che ci aiuta a combattere la disinformazione. Presto parlerò di più in dettaglio, ma spero che queste prospettive facciano luce su come stiamo pensando alla più ampia sfida della disinformazione su YouTube.

Fonte: Google
Articolo di HTNovo
Creative Commons License

Modulo di contatto

Archivio