Top Nav

The Mandalorian a casa vostra in Realtà Virtuale grazie a Google

nov 23, 2020

Basta avere un Pixel o un altro smartphone 5G compatibile.

The Mandalorian a casa vostra in Realtà Virtuale grazie a Google

Google ha appena annunciato la disponibilità su Play Store di The Mandalorian AR Experience, nuova app che vi consente di avere in Realtà Virtuale a casa vostra o ovunque vi troviate personaggi mandaloriani.

Per poter usufruire della nuova esperienza, bisogna essere possessori di uno smartphone Pixel 5G o di altro device Android 5G presenti fra un elenco di device selezionati (da Samsung a Xiaomi, passando per LG o Sony) che potete visionare qui. L'app è scaricabile da qui.

Google e Lucasfilm hanno collaborato per dare vita ai momenti iconici della prima stagione di "The Mandalorian" con "The Mandalorian AR Experience".

The Mandalorian a casa vostra in Realtà Virtuale grazie a Google


Dai dinosauri agli astronauti, Google ha dato vita a oggetti e creature con la realtà aumentata. Ora, le persone che utilizzano dispositivi Android 5G compatibili possono interagire con gli eroi del Mandalorian nel proprio spazio.

"The Mandalorian" AR Experience ti mette nei panni di un cacciatore di taglie che segue le tracce di Mando stesso, Din Djarin e il Bambino. Esplora il mondo di "The Mandalorian", interagisci con i personaggi in realtà aumentata e cattura le tue scene personali da condividere con gli amici.

Per creare questa esperienza originale, Google, Disney e Lucasfilm hanno lavorato insieme per immaginare un'app di realtà aumentata di nuova generazione ottimizzata per i dispositivi 5G. I nostri team hanno collaborato per creare modelli iper dettagliati e animazioni realistiche, il tutto confezionando scene con divertenti sorprese.

Utilizzando ARCore, la piattaforma per sviluppatori di Google per la creazione di esperienze di realtà aumentata, abbiamo creato scene che interagiscono con il tuo ambiente e rispondono a ciò che ti circonda. Puoi scoprire e sbloccare ancora più effetti in base alle tue azioni. E grazie alla nuova ARCore Depth API, abbiamo anche abilitato l'occlusione, consentendo alle scene 3D di fondersi in modo più naturale con il nostro mondo.

Articolo di HTNovo
Creative Commons License

Modulo di contatto

Archivio