Nuovi dettagli confermano l'arrivo di Ripristino dei file su OneDrive



Emergono nuove informazioni concrete sulla prossima introduzione di Microsoft al suo servizio di Cloud Storage.

Arrivo-Ripristino-file-OneDrive
Due giorni fa, vi avevamo parlato dell'imminente implementazione in OneDrive di una nuova funzionalità che permetterà di resettare il proprio database in hosting sui server virtuali Microsoft, consentendo di ripristinare i file salvati sul Cloud ad una data passata, utile in caso di eliminazioni accidentali o attacchi informatici alle memorie fisiche dei propri device.

Oggi emergono nuovi dettagli che confermano l'arrivo di Ripristino dei file su OneDrive, entro, come avevamo anticipato, la fine di questo mese di gennaio.
Con il nuovo aggiornamento del servizio di Cloud Storage Microsoft, gli utenti avranno a disposizione una linea temporale in OneDrive che li aiuterà a determinare con esattezza il giorno e l'ora in cui si è verificata una situazione anomala che ha portato a perdite di file, consentendono il ripristino del database a quel preciso momento, con conseguente recupero dei dati mancanti.

Linea-temporale-OneDrive
Ovviamente, il ripristino ad un periodo antecedente, scelto dall'utente, potrà essere effettuato, per motivazioni diverse, anche senza la preesenza di eventi critici.

Il limite temporale è fissato ai 90 giorni precedenti l'azione di Ripristino. Un tempo decisamente ampio e sufficiente per accorgersi e recuperare eventuali danneggiamenti ai propri contenuti salvati.

Lo conferma ancora una volta Stephen L Rose, Senior Product Manager della divisione OneDrive For Business, senza specificare, nemmeno in questa occasione, se l'opzione Ripristino dei file sarà disposibile per tutti o solo per i sottoscrittori di OneDrive For Business; dettaglio non secondario, ma allontanato dalle dichiarazioni degli scorsi giorni del nostro collega MVP, Ryan Schouten, come indicato nel Post evidenziato sopra, e da notifiche che stanno arrivando agli utenti Office 365 che informano dell'inizio del roll-out entro le prossime due settimane, con la presenza della linea temporale in OneDrive.
Restate in ascolto!
Via: MSPU
Articolo di HTNovo
Creative Commons License