[Video] I più antichi capolavori dell'umanità mostrati in Realtà Virtuale da Google




Grazie alla Realtà Virtuale e all'app specifica per dispositivi Android e iOS, Google ci permette di visitare i più antichi disegni preistorici.

[Video] I più antichi capolavori dell'umanità mostrati in Realtà Virtuale da Google
La grotta Chauvet in Ardèche, in Francia, racchiude disegni preistorici fra i più antichi mai rinvenuti dall'uomo, risalenti a ben 36.000 anni fa. Google permette a chiunque di accedervi ed interagire con i primi capolavori dell'umanità in Realtà Virtuale, tramite l'app Google Arts & Culture (download a fine post) per Android e iOS.


Di seguito, il suggestivo racconto di chi ha 'visitato' la grotta.

Nota del redattore: la grotta Chauvet in Francia contiene alcuni dei più antichi disegni preistorici del mondo. E 'così delicata che è chiuso al pubblico, ma grazie al nostro partner, lo Syndicat Mixte de la Grotte Chauvet, è ora possibile passo nel mondo dei nostri antenati attraverso Google Search realtà aumentata caratteristica così come la realtà virtuale . Uno di questi antichi antenati, che ha chiesto di rimanere anonimo, ha viaggiato nel tempo per 36.000 anni per condividere com'era allora la grotta. 

Abbiamo iniziato il nostro viaggio verso la grande grotta giorni fa. Oggi arriviamo e ci sistemiamo vicino all'arco di pietra che attraversa il fiume. Accendiamo un fuoco, segnalando alla nostra gente vicino alle grotte che siamo qui. Abbiamo portato con noi piccoli strumenti di pietra per cucire le punte di freccia che usiamo per la caccia. Forse saremo in grado di scambiarli.

C'è molta luce della luna, quindi una volta che ci siamo accampati mi avventuro fuori, camminando fino all'entrata della grotta per salutare gli altri. I bambini sono ancora svegli, giocano con i loro giocattoli ma ascoltano attentamente i leoni che ruggiscono in lontananza. C'erano anche degli orsi che vivono qui , ma se ne sono andati da tempo.

Più mi avvicino al suo ingresso, più la caverna oscura mi attira, quindi accendo una torcia ed entro. Dopo una breve passeggiata, il fuoco illumina dove noi - e quelli che ci hanno preceduto - abbiamo lasciato il segno. Qui , qualcuno ha raschiato l'argilla, ha esposto il calcare e dipinto il proprio mondo, molto prima del nostro arrivo. I miei preferiti sono i cavalli: penso che uno abbia paura, un altro stia giocando, e un terzo, il curioso, ha drizzato le orecchie con aria interrogativa.

Vicino al familiare mammut , una nuova immagine attira la mia attenzione: forse alcuni dei nostri giovani cacciatori hanno raffigurato questo leone per celebrare il loro successo.

L'affresco è così enorme, è impossibile includerlo tutto. Faccio un passo indietro per cercare di comprenderne il significato. Ci sono leoni delle caverne, renne e cervi, che sembrano muoversi nel gioco di luci e ombre. Solo poche linee, disegnate da mani esperte, e in qualche modo abbiamo un capolavoro .

Poi ci sono le impronte di mani lasciate da coloro che ci hanno preceduto. Mi alzo in punta di piedi e allungo per abbinare la mia mano alle impronte sulla roccia fredda, e all'improvviso mi sento costretto a lasciare il segno. Non sono mai stato scelto come pittore, ma sono solo e mi sento audace, quindi immergo la mano nella vernice rossa che è stata lasciata fuori, mi rialzo alle dita dei piedi e aggiungo la mia impronta della mano agli altri sul muro.

Mentre si asciuga, indietreggio e guardo mentre gli animali e le impronte di mani svaniscono nell'oscurità. Chissà da quanto tempo sono tutti qui e da quanto tempo rimarranno?

Google Arts & Culture - Download per Android
Google Arts & Culture - Download per iOS

Fonte: Google
Articolo di HTNovo
Creative Commons License