Google Plus: chiusura anticipata ad aprile 2019




Google annuncia che accelererà le pratiche per la chiusura del social network dopo l'ennesimo bug individuato in un'API dell'app che ha esposto i dati di oltre 52 milioni di utenti.

Google-Plus-chiusura-aprile-2019
Vi avevamo anticipato le nostre perplessità già prima dell'annuncio ufficiale da parte di Google, arrivato come un fulmine a ciel sereno per molti affezionati lo scorso mese di ottobre. Stiamo parlando di Google Plus e della decisione di Google di chiuderlo ai consumatori a partire dal prossimo anno, causa bug riscontrati nelle API dell'app che hanno esposto gli utenti a possibili sottrazioni di dati personali.

Oggi, con una nuova pubblicazione, l'azienda di Mountain View ha affermato di aver scoperto un nuovo errore in un'API di Google Plus che avrebbe potuto interessare un numero pari a 52,5 milioni di account e relativi dati, quali indirizzo e-mail, nome reale, data e luogo di nascita, situazione lavorativa, domicilio ecc., fixato una settimana dopo l'aggiornamento software incriminato, dunque, a detta dei responsabili Google Plus, difficilmente sfruttato in tempo da sviluppatori e app di terze parti.
I nostri test hanno rivelato che un'API di Google+ non funzionava come previsto. Abbiamo risolto prontamente l'errore e iniziato un'indagine sul problema 
La nostra indagine sull'impatto del bug è in corso, ma ecco cosa abbiamo capito finora:
  • Abbiamo confermato che l'errore ha interessato circa 52,5 milioni di utenti in relazione a un'API di Google+ .
  • Rispetto a questa API, le app che hanno richiesto l'autorizzazione per visualizzare le informazioni del profilo che un utente aveva aggiunto al proprio profilo Google+, come il nome, l'indirizzo email, l'occupazione, l'età, sono state concesse le autorizzazioni per visualizzare le informazioni sul profilo dell'utente anche quando impostato su non pubblico.
  • Inoltre, le app con accesso ai dati del profilo Google+ di un utente hanno anche accesso ai dati del profilo che sono stati condivisi con l'utente consenziente da un altro utente di Google+ ma che non è stato condiviso pubblicamente.
  • Il bug non ha consentito agli sviluppatori di accedere a informazioni come dati finanziari, numeri di identificazione nazionali, password o dati simili tipicamente utilizzati per frode o furto d'identità.
  • Nessuna terza parte ha compromesso i nostri sistemi e non abbiamo alcuna prova che gli sviluppatori che inavvertitamente hanno avuto accesso per sei giorni ne fossero consapevoli o avessero fatto un uso improprio in qualsiasi modo.
Abbiamo iniziato il processo di notifica agli utenti consumer e ai clienti aziendali che sono stati interessati da questo bug. La nostra indagine è in corso su qualsiasi potenziale impatto su altre API di Google+.
A seguito del nuovo 'inconveniente', nello stesso comunicato, Google afferma che la chiusura di Google Plus consumer sarà anticipata ad aprile 2019, ben quattro mesi prima rispetto alla data prevista ed annunciata precedentemente (agosto 2019).

Inoltre, nei prossimi 90 giorni, tutte le API Google+ arriveranno al capolinea.
Assisteremo al tramonto di tutte le API di Google+ nei prossimi 90 giorni.
Gli sviluppatori coinvolti possono aspettarsi di sentire di più da noi su questo argomento nei prossimi giorni e possono rimanere informati continuando a controllare la pagina degli sviluppatori di Google+. 
Abbiamo anche deciso di accelerare la chiusura di Google+, da agosto 2019 ad aprile 2019. Vogliamo offrire agli utenti ampie opportunità di transizione dai consumatori di Google+, e nei prossimi mesi continueremo a fornire agli utenti ulteriori informazioni, compresi i modi in cui possono scaricare e migrare i propri dati in modo sicuro.
Per quanto riguarda i clienti aziendali, Google invierà notifiche agli amministratori di sistema degli account coinvolti dal bug, con contatti successivi, qualora venissero scoperte altre anomalie inerenti, mentre ribadisce che i clienti G Suite hanno sempre il pieno controllo di app autorizzate alla visualizzazione (limitata) dei dati, concludendo che nuovi investimenti saranno portati avanti per Google Plus per le imprese, con dettagli inediti che saranno resi noti il prossimo ottobre 2019.
Fonte: Google
Articolo di HTNovo
Creative Commons License