L'App Twitter UWP si aggiorna in Windows 10 e diventa PWA



L'applicazione del Social Network di San Francisco abbandona il contenitore UWP in Windows 10 e diventa Progressive Web App.

Twitter-App-UWP-PWA
Abbiamo parlato spesso dell'arrivo delle Progressive Web App in Windows 10 e nel Microsoft Store con il rilascio della versione 1803 del Sistema operativo (Redstone 4) e di come il nuovo standard avrebbe integrato e, in certi casi, sostituito il controverso sistema Modern delle applicazioni per Windows. 

Vi avevo anche detto che se c'è una PWA che funziona a dovere quella è rappresentata da Twitter, spiegandovi anche come trasformare, tramite browser, il sito Web mobile del Social in una reale Progressive Web App su dispositivi Windows.

Twitter PWA funziona talmente bene che, con l'ultimo aggiornamento disponibile per le versioni Insider di Windows 10 (sia sull'anello Lento che su quello Veloce), Microsoft ha completamente sostituito la, ormai, vecchia App UWP con la PWA che abbiamo imparato a conoscere in precedenti articoli.

Basta recarsi in Store, cercare Twitter App (qui il Link) e immediatamente partirà il download per l'installazione del nuovo aggiornamento. Aprendo Start, non avrete più la live tile del Social, ma dovrete aggiungerla nuovamente con la voce Twitter che apparirà nelle App Aggiunte di recente (sempre in Start).

Aprendo la nuova applicazione vi troverete esattamente la PWA di Twitter, identica al sito mobile del Social, ma con supporto alle notifiche push, ottenibili, dunque, anche a Social chiuso.

Tutto estremamente importante.

Uno dei limiti delle UWP, infatti, sono gli aggiornamenti, sopratutto per servizi come i Social Network che registrano spesso nuove introduzioni. La stessa App UWP di Twitter, ad esempio, era rimasta con il limite dei 140 caratteri a cinquettio. Trattandosi adesso di 'trasposizione' del sito Web, ogni novità ufficiale del Social sarà immediatamente disponibile anche per l'applicazione di Windows 10.

A ciò, ovviamente, vanno aggiunti tutti i vantaggi di leggerezza, usabilità offline, grafica ed efficienza generale che ben conosciamo delle Progressive Web App.
Articolo di HTNovo
Creative Commons License