Pagine

Guerra in Ucraina: l'impegno di Google

mar 1, 2022

Al lavoro h24 per supportare la popolazione con i prodotti di BigG.

Guerra in Ucraina: l'impegno di Google

Le aziende hi-tech, ma anche attivisti ed esperti informatici, sono - come accade di solito in emergenze di carattere umanitario - in prima linea nel dare una mano importante alla popolazione ucraina vittima dell'assurda guerra iniziata nei giorni scorsi con la brutale aggressione dell'esercito russo voluta da Vladimir Putin e controllata da Mosca.

L'impegno di Google è costante dall'inizio della guerra, con team di lavoro delle diverse divisioni impegnati 24 ore su 24. Alcune delle azioni intraprese sono riportate di seguito.

Fornire supporto da Google.org

Insieme, i dipendenti di Google.org e Google stanno contribuendo con 15 milioni di dollari in donazioni e supporto in natura per aiutare i soccorsi in Ucraina, inclusi 5 milioni di dollari finora dalla nostra campagna di abbinamento dei dipendenti e 5 milioni di dollari in sovvenzioni dirette. Stiamo anche contribuendo con 5 milioni di dollari in crediti pubblicitari per aiutare organizzazioni umanitarie e intergovernative di fiducia a collegare le persone a importanti fonti di aiuto e informazioni sul reinsediamento.

Aggiornamento di ricerca e mappe in Ucraina

Abbiamo lanciato un avviso SOS su Ricerca in Ucraina. Quando le persone cercano informazioni sul rifugio e sull'evacuazione, vedranno un avviso che le indirizza alle risorse delle Nazioni Unite per i rifugiati e i richiedenti asilo. Stiamo lavorando con organizzazioni di esperti per ottenere utili informazioni umanitarie man mano che la situazione si evolve.

E dopo aver consultato più fonti sul campo, comprese le autorità locali, abbiamo temporaneamente disabilitato alcune funzioni di Google Maps in Ucraina, incluso il livello del traffico e le informazioni su quanto sono affollati i luoghi, per aiutare a proteggere la sicurezza delle comunità locali e dei loro cittadini . Abbiamo anche aggiunto informazioni sui centri per rifugiati e migranti nei paesi vicini.

Espansione delle protezioni di sicurezza

I nostri team di sicurezza sono disponibili 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Le operazioni di hacking e influenza sostenute dalla Russia non sono nuove per noi; sono anni che ci muoviamo contro di loro. Solo negli ultimi 12 mesi, abbiamo emesso centinaia di avvisi di attacco sostenuti dal governo a persone in Ucraina che utilizzano prodotti come Gmail. Siamo stati particolarmente vigili durante l'invasione e i nostri prodotti continueranno a rilevare e bloccare automaticamente le attività sospette.

Sebbene non abbiamo visto cambiamenti significativi nei livelli di attività dannosa in questa regione in generale, il nostro gruppo di analisi delle minacce (TAG) ha visto gli attori delle minacce concentrare i loro sforzi sugli obiettivi ucraini. Ad esempio, abbiamo visto gli aggressori dietro il gruppo di minacce GhostWriter prendere di mira il governo ucraino e i funzionari militari. Abbiamo bloccato questi tentativi e non abbiamo riscontrato alcuna compromissione degli account Google a seguito di questa campagna.

Abbiamo anche aumentato automaticamente le protezioni di sicurezza dell'account Google (comprese le sfide di autenticazione più frequenti) per le persone nella regione e continueremo a farlo man mano che le minacce informatiche si evolvono. Il nostro programma di protezione avanzata , che offre il massimo livello di sicurezza di Google, sta attualmente proteggendo gli account di centinaia di utenti ad alto rischio in Ucraina. E " Project Shield ", un servizio che fornisce protezione gratuita e illimitata contro gli attacchi Distributed Denial of Service, sta già proteggendo oltre 100 siti web ucraini, inclusi i servizi di notizie locali.

Promuovere la qualità dell'informazione

In questa crisi straordinaria stiamo adottando misure straordinarie per fermare la diffusione della disinformazione e interrompere le campagne di disinformazione online.

A partire da oggi, stiamo bloccando i canali YouTube collegati a RT e Sputnik in tutta Europa. Ciò si basa sulla nostra pausa indefinita di monetizzazione dei media russi finanziati dallo stato sulle nostre piattaforme, il che significa che i media come RT non sono autorizzati a monetizzare i loro contenuti o fare pubblicità sulle nostre piattaforme.

Abbiamo anche limitato in modo significativo le raccomandazioni a livello globale per un certo numero di media russi finanziati dallo stato attraverso le nostre piattaforme. E negli ultimi giorni, YouTube ha rimosso centinaia di canali e migliaia di video per aver violato le sue Norme della community, inclusi diversi canali coinvolti in pratiche ingannevoli coordinate.

Ovviamente stiamo lavorando non solo per ridurre la portata di informazioni inaffidabili, ma anche per rendere prontamente disponibili informazioni affidabili e affidabili. I nostri sistemi sono costruiti per dare priorità alle informazioni più autorevoli nei momenti di crisi e nelle notizie in rapida evoluzione. Quando persone in tutto il mondo cercano argomenti relativi alla guerra in Ucraina su Ricerca o YouTube, i nostri sistemi mettono in evidenza informazioni, video e altri contesti chiave da fonti di notizie autorevoli.

Aiutare i nostri colleghi in Ucraina

Rimaniamo estremamente preoccupati per la sicurezza e il benessere del nostro team ucraino e delle loro famiglie. I nostri team locali per la sicurezza e le operazioni delle persone lavorano da gennaio per fornire aiuto, incluso supporto per la sicurezza fisica, congedi retribuiti, opzioni di assistenza e rimborsi per alloggio, viaggio e cibo per chiunque sia costretto a lasciare le proprie case.

Gestione dei nostri servizi in Russia

Ci impegniamo a rispettare tutti i requisiti sanzionatori e continuiamo a monitorare le ultime linee guida. Poiché individui, regioni e istituzioni come le banche vengono sanzionate, prodotti come Google Pay potrebbero non essere disponibili in alcuni paesi.

La maggior parte dei nostri servizi (come Ricerca, Maps e YouTube) rimane attualmente disponibile in Russia, continuando a fornire accesso a informazioni e prospettive globali.

Continueremo a monitorare la situazione e intraprendere ulteriori azioni secondo necessità e ci uniamo alla comunità internazionale nell'esprimere sincera speranza per un ritorno a un'Ucraina pacifica e sovrana.

Fonte: Google
Articolo di HTNovo
Creative Commons License

Modulo di contatto

Archivio