Pagine

[Requisiti e non solo] Maggiori dettagli sulla prossima versione di Windows

feb 21, 2022

Sicurezza al primo posto, struttura totalmente nuova.

[Requisiti e non solo] Maggiori dettagli sulla prossima versione di Windows

Nella giornata di ieri via abbiamo dato ulteriore conferma di quanto avevamo scritto già nel mese di ottobre riguardo la versione successiva a Windows 11, con altre fonti che indicano lo sviluppo di Windows 12 come work in progress fra le stanze che contano a Redmond.

Mentre SwiftOnSecurity ha eliminato (o è stato costretto ad eliminare ... ) il tweet che citava una fonte interna a Microsoft in cui indicava l'esistenza di Windows 12, Deskmodder (che pure aveva citato il cinguettio in questione) conferma che il nuovo Sistema sarà in pieno sviluppo a partire dal mese prossimo.

Computer Base, da parte sua, fornisce maggiori dettagli sulla prossima versione di Windows, con Windows 12 (o Windows 11.1 - potete rileggere i miei articoli precedenti, per un'idea) che richiederà requisiti hardware minimi ancora più stringenti dell'attuale software.

In particolare, l'effettiva presenza su un PC di chip TPM 2.0 e Secure Boot abilitato sarà meno aggirabile e Microsoft pretenderà ancor di più che questi due elementi siano realmente funzionanti sulle macchine che andranno ad eseguire la prossima versione di Windows.

Ma non solo.

Fra i requisiti minimi richiesti ci sarà anche Pluton, un chip di sicurezza integrato direttamente nella CPU, sviluppato da Microsoft e partner come AMD, Intel e Qualcomm, a protezione di dati personali, identità, credenziali, chiavi di crittografia.

Windows 12 (Windows 11.1) vedrà finalmente il distacco della struttura base del codice da quella di Windows 10, con abbandono definitivo e totale dei vecchi ambienti legacy, per dar vita davvero ad un nuovo software che abbia possibilità e margini di sviluppo aperti e non più condizionati dai vecchi codici. Il nuovo Sistema, inoltre, pescherà elementi grafici e funzionali in maniera più decisa dagli ambienti del progetto Windows 10X.

Infine, per setup e prima configurazione, la prossima versione di Windows richiederà account Microsoft e connessione internet attiva non solamente per le edizioni Home ma anche per le Pro (ma questo varrà presto anche per le attuali versioni).

Articolo di HTNovo
Creative Commons License

Modulo di contatto

Archivio