WIP 2020, il Programma Windows Insider si evolve



Microsoft comunica iniziative e cambiamenti che evolveranno il Programma Insider nei prossimi due anni.

WIP-2020-Programma-Windows-Insider
Nato nel 2014, sulle ceneri della vecchia versione Preview di Windows 8/8.1, il Windows Insider Program conta oltre 10 milioni di partecipanti in tutto il mondo (dati aggiornati ad un anno fa) che, quotidianamente, testano le novità rilasciate da Microsoft in anteprima nei propri Sistemi operativi desktop, mobile e console, fornendo feedback su approvazioni/disapprovazioni, suggerimenti e problemi riscontrati durante l'utilizzo delle nuove compilazioni nei sei mesi di sviluppo di ogni nuovo Major Update.

Nel corso di questi 3 anni, il Programma Windows Insider si è costantemente evoluto, con l'introduzione di nuovi Ring, nuove aperture verso hardware diversi, sezioni specifiche per l'utenza Business e gestione migliorata di invio e ricevimento feedback e comunicazioni fra sviluppatori di Redmond e partecipanti.

L'ultima novità pubblica, come abbiamo visto la scorsa settimana, è la separazione dei test per le applicazioni di Sistema dalle build dei vari anelli, in modo tale da ricevere informazioni più precise ed interessate da utenti che utilizzano determinate App ma che non sono necessariamente propensi a provare versioni complete d'anteprima in un determinato momento.

A distanza di qualche giorno, una nuova sezione del Programma Insider è stata avviata da Microsoft in modalità riservata, accessibile, cioè, solamente su invito personale e solo per un numero limitato di partecipanti.

Cohorts è il nome della nuova categoria di utenti chiamati a testare e fornire feedback dettagliati e consapevoli su funzionalità software/hardware che vedono coinvolto lo sviluppo di Windows.

Le 'Corti' sono composte da utenti che Microsoft conosce come esperti di un determinato settore e che possono interagire in maniera specifica con gli sviluppatori, attraverso prove esclusive e feedback mirati, in maniera tale da dare un peso maggiore ai suggerimenti e ai dettagli sull'utilizzo, rispetto agli Insider tradizionali, che possono inviare, talvolta, informazioni non utili o non inerenti il reale momento di test di uno step in corso di sviluppo.
In questo momento, sono stati avviati Cohort con la partecipazione di MVP (il sottoscritto è fra i candidati) Insider o per test e suggerimenti su Fluent Design, software per grafici e creativi e uno spaciale per i partecipanti al Programma Windows Insider for Business (WIP4Biz), destinato alle aziende e che conta già 30.000 marchi aderenti, ad un anno dalla sua istituzione, e che non ha bisogno di inviti per l'adesione.

I partecipanti ai Cohort possono comunicare fra loro attraverso Forum privati, come accade fra noi Moderatori e Power Users Microsoft, nei Siti Ufficiali dell'azienda di Redmond.

I Cohort non sostituiranno ma integreranno l'attuale sistema di raccolta dati tramite telemetria e hub di feedback, strumenti utilizzati anche per inviare i primi inviti al nuovo ramo del Programma.

I componenti dei Cohort hanno anche il compito di individuare persone al di fuori del Programma Insider per cercare di carpire problematiche che non arrivano con i feedback degli iscritti, comunicando e confrontandosi con gli altri componenti per individuare soluzioni e portare dati a Microsoft sulle reali esigenze del pubblico consumer. Ogni Insider Cohort dovrebbe individuare almeno un utente non Insider con richieste esplicite sul software o sull'hardware Microsoft.

In futuro, il sistema Cohort sarà aperto anche al resto degli iscritti ai vari anelli del Programma Insider, ovviamente, dimostrando di possedere interessi e competenze per settori specifici di Windows 10 e non solo.

Le ultime novità di questi giorni, Programma separato per le App e Cohort, fanno parte del nuovo progetto WIP 2020, con il quale Microsoft intende evolvere il circuito, con frequenti nuove introduzioni e la realizzazione di progetti importanti per coinvolgere gli utilizzatori di Windows, in cantiere da tempo ma mai messe in atto fino ad oggi.

Il tempo non manca, e le idee, a quanto pare, neanche.
Articolo di HTNovo
Creative Commons License