Facebook: tasto 'Downvote' in test negli USA




Il Social Network di Palo Alto sta pensando all'introduzione di un tasto 'Non mi piace' nei commenti dei post di pagine ed utenti.

Facebook-tasto-Downvote
Facebook continua a cercare di mantenere ad un livello di qualità accettabile le varie sezioni del social network, in continua lotta contro fakenews, cyberbullismo ed elementi di disturbo generale alla maggioranza degli iscritti.

Proprio in tal senso è da considerare un nuovo esperimento iniziato negli USA che vede coinvolto un numero limitato di utenti campione che sta testando un nuovo tasto presente nei commenti delle pagine e dei post pubblici degli utenti. Il nuovo tasto Downvote è abbastanza vicino, come concetto, al tanto chiacchierato 'Non mi piace', mai arrivato realmente - neanche in prova - ma continuamente richiesto dalla massa.
Il Downvote esprime la non approvazione di un commento ad una news o ad un post sul social, da parte di altri iscritti. La selezione del tasto nasconde automaticamente il commento agli altri utenti che, per visualizzarlo, dovranno necessariamente selezionarlo ed espanderlo.

Il team del Social presenta l'esperimento come una delle tante modalità per mantenere sotto controllo la qualità e l'approvazione da parte delle persone delle pubblicazioni quotidiane, considerando l'utilizzo del nuovo tasto Downvote come feedback diretti per segnalare comportamenti non piacevoli.
I downvote non verranno conteggiati pubblicamente (come accade, invece, per i Like o le emozioni) e né gli autori dei commenti né gli altri utenti vedranno quanti 'Non mi piace' ha ricevuto un determinato intervento.
Non stiamo testando un pulsante non mi piace. Stiamo valutando una funzionalità per gli utenti in modo da fornirci un feedback sui commenti ai post delle pagine pubbliche.
L'intento del Test, dunque, è quello di arrivare ad una sorta di auto-moderazione dei tantissimi contenuti che ogni secondo vengono aggiunti a Facebook, mantenendo completamente visibili solamente gli interventi approvati positivamente o non 'segnalati' come offensivi, di cattivo gusto o carichi di disapprovazione generale.
Fonte: The Verge
Articolo di HTNovo
Creative Commons License