Rufus Cuff, ecco il Tablet da polso | Video



polso | Video
Le soluzioni per migliorare i dispositivi indossabili ed invogliare sempre più il mercato a farne richiesta, trovano, spesso, soluzioni di difficile interpretazione, anche se, indubbiamente, rappresentano, spesso, punti di partenza per progetti da sviluppare e portare avanti.
Rufus Cuff è un mini Tablet da polso che mira ad eliminare i difetti strutturali legati ai comuni smartwatch, proponendo un display dalle dimensioni impegnative, 3,2 pollici, capace di far interagire l'utente con tutte le applicazioni ed i contenuti del Sistema operativo Android installato, sfruttando le doti di un processore  TI-Cortex A9 e l'autonomia di una batteria 1.175 mAh.
Presente fotocamera frontale, Wi-Fi, Bluetooth, GPS, in grado di connettere il Tablet alla rete, consentendo all'utente di telefonare, videochiamare, scattare foto, girare video, navigare ed abilitare la ricezione di tutte le notifiche che lo riguardano, abbandonando, di fatto, l'utilizzo dello smartphone.
Il peso di soli 100 grammi, consente anche l'utilizzo durante l'attività fisica per monitorare programmi e prestazioni.

A livello estetico e di usabilità c'è sicuramente da lavorare, ma il principio di base è sicuramente buono, visto i 450.000 dollari raccolti da Gabe Grifoni, ideatore di Rufus Cuff, il Tablet da polso, sulla nota piattaforma di Crowdfunding, Indiegogo, più di un anno fa, sbloccando, adesso, i preordini, partendo da prezzi di 249$. | Video

Articolo di HTNovo
Creative Commons License