Microsoft Edge migliora, ma non basta




ma non basta
Dopo aver criticato il mancato arrivo del già annunciato supporto alle estensioni e la poca fluidità dell'ultima versione del Browser di casa Microsoft, è giusto sottolineare i miglioramenti apportati dagli sviluppatori di Redmond ad Edge, dopo l'importante aggiornamento di Novembre 2015.
Oltre a quanto detto nel post di presentazione della nuova versione di Windows 10, riguardo modifiche all'interfaccia utente e, sopratutto, la possibilità di inviare elementi multimediali in riproduzione su Edge ad altri dispositivi, degno di nota è l'introduzione del nuovo engine di rendering Edge HTML13, uguale per tutte le piattaforme, desktop, mobile e console, che va a sostituire il precedente Edge HTML12, migliorando notevolmente performance e funzionalità, anche di Chakra, l'engine JavaScript, con l'introduzione del supporto a asm.js. Il nuovo motore di rendering, EdgeHTML 13, aumenta notevolmente il punteggio precedente di Microsoft Edge su HTML5Test, ben 56 punti in più, portando a 117 punti di vantaggio il distacco dal vecchio Internet Explorer.

migliora


Molto migliorata, dunque, la compatibilità con i più moderni formati Web, ma non basta, almeno per ora, a far decidere la stragrande maggioranza degli utenti di Windows 10 a lasciare altri software per navigare stabilmente con Microsoft Edge.
I competitors più blasonati, come Google Chrome e Mozilla Firefox, hanno ancora punteggi decisamente superiori;

Edge migliora, ma non basta

in particolare Chrome, molto vicino al massimo possibile.

Microsoft Edge migliora, ma non basta


Secondo Microsoft, comunque, "Edge è il browser desktop con il punteggio più elevato nella tabella di compatibilità Kangax ES6, che misura il supporto alle caratteristiche che compongono lo standard ES2015, forse il più grande aggiornamento della storia di JavaScript".

Forse e secondo Microsoft, appunto, ma non basta.
Articolo di HTNovo
Creative Commons License