Twitter sta per passare da 140 a 10.000 caratteri a Tweet



a Tweet
Il successo del social network Twitter è uno di quei fenomeni del Web di difficile interpretazione e spiegazione, visto che tutto dovrebbe ruotare intorno al famoso limite, imposto dalla società, fin dall'inizio, dei 140 caratteri a Tweet che, secondo alcuni, è ciò che ha contraddistinto il social dagli altri, riempiendo in continuazione le Timeline degli iscritti di contenuti sempre aggiornati ed immediati, mentre, secondo altri, è proprio la difficoltà di espressione, che i 140 caratteri impongono, ad aver frenato la rincorsa di Twitter verso il primo posto dei social con più iscritti, occupato, stabilmente ed inscalfibilmente, da Facebook. Devono pensarla come quelli della seconda schiera i responsabili della piattaforma di San Francisco, visto che un report dell'autorevole ed affidabile Recode afferma che, entro il primo trimestre di questo 2016, come già accaduto per i messaggi diretti, Twitter abolirà lo storico limite dei 140 caratteri a Tweet, per passare ad un nuovo tetto massimo, pari a ben 10.000 caratteri.

Se un cambiamento storico deve esserci, meglio farlo bene, avranno pensato in California.

In effetti, 10.000 caratteri è molto simile a non avere nessun limite e se la scelta si rivelerà azzeccata o meno, sarà il tempo, sempre molto breve sul Web, a decretarlo.

Quel che è certo è che, al contrario dei vari cambiamenti di stile e grafica che il social ha avuto, a ripetizione, negli ultimi mesi e dei quali quasi nessuno si è accorto, se e quando il limite dei 140 caratteri sarà abolito, Twitter, sopratutto la sua Home, non sarà più lo stesso, almeno visivamente parlando, con centinaia di contenuti e nuovi Tweet da poter visualizzare in poco "spazio" e poco tempo, con la timeline continuamente aggiornata, lasciando centinaia di pixel a sermoni e considerazioni esageratamente lunghe, alle quali siamo già abituati su Facebook, che costringeranno a mettere ordine fra contatti ed interessi, in quanto ciò che più ci va a genio, gioco forza, sarà mostrato con meno frequenza o sarà più laborioso individuarlo.

Si sarà mica capito che faccio parte di coloro che pensano che la forza di Twitter sia nei 140 caratteri?

Vedremo cosa accadrà e chi avrà, più o meno (come sempre ed in ogni situazione accade), ragione, oltre a quali sviluppi porteranno i cambiamenti annunciati e quelli già implementati da un social che, a forza di voler a tutti i costi rincorrere ed emulare, rischia di smarrire completamente quell'identità che, in breve tempo, lo portò ad essere quotato in borsa e ad un successo planetario difficilmente ripetibile ed eguagliabile.
Articolo di HTNovo
Creative Commons License