Come attivare la funzione nascosta anti-adware di Windows Defender



in Windows Defender
Chi mi segue da tempo conoscerà i miei scritti, in questo ed in altri siti, riguardo l'esposizione dei continui miglioramenti del Sistema di protezione integrato in Windows, dal 2012, ovvero dal rilascio di Windows 8, ad oggi, con il consolidamento dell'evoluto Windows 10. Da qualche tempo, Microsoft ha potenziato ulteriormente l'Antivirus proprietario, Defender, nelle versioni Enterprise di Windows 10, introducendo una nuova funzione anti-adware, capace di aumentare notevolmente il grado di sicurezza offerto dal filtro SmartScreen, rilevando e bloccando, senza neanche consentire l'avvio di un'eventuale installazione di programmi identificati come non sicuri, qualsiasi software o applicazione indesiderata.
Con una semplice modifica del Registro di sistema, è possibile attivare la nuova funzione anti-adware anche sui dispositivi che montano versioni diverse da Windows 10 Enterprise, sia Home che Pro, agendo come segue:

Aprite il Registro (destro su Start > Esegui > digitate Regedit, date Invio > Sì al controllo) e recatevi alla chiave HKEY_LOCAL_MACHINE > Software > Policies > Microsoft > Windows Defender > MpEngine

Se, nella vostra versione, la sottochiave MpEngine non fosse presente, createla, cliccando destro su Windows Defender, quindi su Nuovo > Chiave e nominatela.
Create, quindi, un nuovo valore DWORD(32-bit), valido anche per le versioni a 64-bit, nominandolo MpEnablePus e impostando i dati del valore su 1.
La sigla PUS sta proprio per potentially unwanted software (software potenzialmente indesiderato).

Date Ok, chiudete il Registro e riavviate il Pc, affinché le modifiche abbiano effetto e la funzione nascosta anti-adware di Windows Defender sia attiva.
Articolo di HTNovo
Creative Commons License