Italiano il primo trapianto di testa



Un intervento mai effettuato su un essere umano sta per diventare realtà grazie al prof. Sergio Canavero, responsabile del Gruppo Avanzato di Neuromodulazione di Torino.
Il paziente è Valery Spiridonov, un trentenne con una grave forma di atrofia muscolare, malattia rara denominata Werdinig-Hoffman, la cui testa sarà impiantata sul corpo di un paziente deceduto cerebralmente.

La testa di Spiridonov sarà collegata, tramite speciali solventi appositamente studiati per l'intervento, al sistema nervoso e al midollo spinale del secondo individuo, mantenendo il paziente in coma farmacologico per circa un mese, prima di essere gradualmente svegliato e sottoposto ad una lunga riabilitazione.

Il team sarà composto da 150 persone fra infermieri e medici che si alterneranno ai ferri per 36 ore consecutive, e che avranno un periodo di preparazione di ben due anni, prima di effettuare l'intervento.
Il costo del progetto è di 11 milioni di dollari, già in parte raccolti, e secondo quanto affermato dal prof. Canavero a Radio 24 lo scorso Febbraio, entro un paio d'anni sarà realtà.
Articolo di HTNovo
Creative Commons License